Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: “U’ Masc’”di Pietrapertosa


Dal 14 al 15 Giugno 2014 
 Si rinnova a Pietrapertosa l’appuntamento con la festa dell’albero della cuccagna, meglio conosciuto come “il Majo”.

Si tratta di una tradizione che ha origini antiche, ma che ogni anno suscita non poco entusiasmo in tutti coloro che vi partecipano. Il rito arboreo è dedicato a S.Antonio di Padova, motivo per cui il taglio dell’albero avviene il 13 Giugno, nel bosco di Montepiano. Si individua uno dei cerri più alti e più dritti del bosco, il cui tronco “sposerà” la cima di un agrifoglio, anch’essa accuratamente scelta. Il taglio dell’albero è occasione di ritrovo per i pietrapertosani che, dopo essersi alternati per abbattere la gigantesca la pianta a colpi di accetta, si riuniscono in un’area pic-nic , per consumare la “pastorale” (antica ricetta dei pastori, a base di carne di pecora cotta in un brodo di ortaggi). Intanto le donne, in paese, già dall’alba sono alle prese con l’impasto dei biscotti non a caso detti “di S. Antonio”, che saranno poi offerti a tutta la popolazione nella fase successiva della festa: il trasporto dell’albero in paese, che avviene generalmente il sabato che segue il 13 Giugno. Già dal venerdì sera, uomini e ragazzi del posto si recano nel bosco, nei pressi dell’albero abbattuto, per trascorrere la nottata e prepararsi al “lavoro” del giorno successivo; non mancano canti, balli e diverse portate di carne alla brace. Fin’ora, però, non sono stati mensionati i veri protagonisti della festa: i buoi; sono loro infatti che, uniti a coppia da un giogo e guidati dai “ualani” (i loro padroni), trasporteranno l’albero (già privato dei rami e scortecciato) lungo tutto il tragitto. Anche durante la giornata non mancano momenti conviviali, utili a rifocillare i “ualani” e a dare un momento di tregua ai buoi. Quella del trasporto è sicuramente la fase più coinvolgente, quella a cui partecipa un gran numero di persone, le quali non si fanno spaventare dal lungo percorso da effettuare a piedi. All’arrivo nel centro abitato, ad accogliere l’albero c’è sempre una gran folla di persone, che sulle note della banda , festeggia buoi e padroni per l’impresa ormai quasi compiuta. Manca solo l’ultimo tratto del percorso, quello che porta al convento di S.Francesco, luogo presso il quale si compirà il rito il giorno successivo. La domenica mattina, si lavora di buon’ora per accoppiare il prestante cerro e il lucente agrifoglio per dare vita al “Majo”.A fine mattinata, al termine della processione per le strade del ridente centro dolomitico, i portatori della statua di S.Antonio si fermano posizionando il Santo come ad osservare gli uomini che, dotati di grosse funi, dall’alto del campanile del suddetto convento, innalzeranno l’albero. Uno sforzo tutt altro che indifferente. Qualche ora di pausa e ha inizio la scalata: molti tentano di raggiungere la cima, incitati dagli applausi della folla con il naso all’insù, ma l’impresa è ardua e pochi durante il corso degli anni hanno avuto il merito di portarla a termine, conquistando dei premi precedentemente stabiliti. 

CONTATTI: PRO LOCO T. - 
F. +39 0971 983529 MOB: +39 320 8337801 www.prolocopietrapertosa.it 
prolocopietrapertosa@tiscali.it

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo