Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Melfi. BICINCITTA’ TRA RISPETTO AMBIENTALE E SOLIDARIETA’



Domenica 15 a Melfi la XXVI edizione dell’evento organizzato dalla Uisp



Torna domenica a Melfi Bicincittà 2014, l’appuntamento con la voglia di vivere insieme, grandi, piccoli, donne, famiglie, una bella intensa giornata in bici, rispettando l’ambiente e ridonando spazi vitali alla città senza inquinamento, traffico e caos. Giunto alla XXVI edizione, ed inserito al solito nel complesso programma che si concretizza in contemporanea nazionale, tra maggio e giugno in 130 città della penisola, l’appuntamento di Melfi è al solito organizzato in modo impeccabile dalla Uisp, Comitato Territoriale Potenza di Melfi, in collaborazione con l’Avis e l’associazione “La Bottega delle Emozioni”. All’iniziativa ha dato il Patrocinio l’Amministrazione Comunale e tutto si avvale anche dell’attenzione dell’associazione di Protezione Civile “Ronca Battista” per permettere che vada tutto per il meglio, lungo il percorso che si snoderà tra il centro storico di Melfi e la zona di Valleverde, con partenza, arrivo, premiazioni in Piazza Abele Mancini, vero e proprio “quartier generale” dell’evento, per raduno ed iscrizioni dalle 8 alle 9,45 e per alcuni stand legati alla pratica del rispetto ambientale attraverso sempre maggior ricorso alla raccolta differenziata, la distribuzione anche di kit di raccolta e sacchetti specifici per i vari rifiuti, oltre alla possibilità di far ritirare rifiuti ingombranti o pericolosi, nell’ambito del “Fuori tutto” con l’azienda che cura la raccolta a Melfi. Per la seconda volta di fila Bicincittà a Melfi è inserito nella Giornata dell’Ambiente del Comune, per l’alto valore che questo evento ha sul territorio, per la sua lunga e proficua storia, per i messaggi che porta con se, in ambito di rispetto ambientale ed attenzione forte ai temi della sicurezza di chi va in bici e della solidarietà. Non a caso, vanta il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare e degli Affari Regionali, le Autonomie e lo Sport, proprio per il messaggio di grande spinta verso città sostenibili e da vivere al meglio, in bici, da tutti, favorendo la crescita di spazi senza traffico e di aree e piste ciclabili, ma in questa edizione ecco anche un forte momento di solidarietà verso il PalaDeiana di Olbia, palasport colpito dall’alluvione del novembre scorso. “Per questo, oltre alla voglia di bici, a stare insieme, a momenti forti a favore delle tematiche ambientali e energetiche – ha detto in questi giorni il Presidente Uisp Aldo Laspagnoletta – quest’anno si vuole sensibilizzare i cittadini sul problema della solidarietà e per questo una quota dell’iscrizione, soli 2 euro e 50, verrà devoluta all’acquisto di un campo in Taraflex Sport M Evolution per il Palasport di Olbia dal costo di 15.000 euro”. In cambio, per i partecipanti, uno zainetto in materiale riciclabile e una medaglia ricordo, tutto per non inquinare e col nuovo ricorso alle fontane pubbliche per le soste per bere, oltre a 2 momenti di ristoro con merendine offerte dall’organizzazione ai partecipanti, età minima 8 anni, massina 99. Previsti anche giochi con la bici per i bimbi piccoli e premiazioni alle 12, con premi estratti e per i nuclei familiari più numerosi, ricordando che i partecipanti saranno considerati validi solo se si saranno registrati con la Certificazione di Impegno Ambientale, visto che “mission” di Bicincittà è “inquinamento 0 e solo aria pulita, vita sana in bici, città a misura di tutti, azioni concrete per la salvaguardia ambientale e la solidarietà verso gli altri”.

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo