Passa ai contenuti principali

Brasile, prosegue l’operazione per salvare la tribù più minacciata della terra

Dopo mesi di campagna di Survival International, il governo del Brasile sta finalmente intervenendo per sfrattare gli invasori illegali dalla terra degli Awá.
Dopo mesi di campagna di Survival International, il governo del Brasile sta finalmente intervenendo per sfrattare gli invasori illegali dalla terra degli Awá.

L’operazione condotta dal governo brasiliano per allontanare tutti gli invasori dalla terra degli Awá è arrivata alla sua quarta settimana.
L’intervento su larga scala coinvolge diversi ministeri, il Dipartimento brasiliano agli Affari Indigeni FUNAI, l’esercito, la polizia federale, l’ufficio del Presidente e una squadra di terra composta da almeno 200 agenti.
L’operazione è una risposta alla campagna mondiale lanciata da Survival per salvare dall’estinzione la tribù più minacciata della terra.

Gli Awá sono la tribù più minacciata della terra, senza la loro foresta non potrebbero sopravvivere.
Gli Awá sono la tribù più minacciata della terra, senza la loro foresta non potrebbero sopravvivere.

Sono state consegnate almeno 369 ingiunzioni di sfratto, che hanno raggiunto il 90% degli occupanti illegali del territorio.
A partire dal momento in cui ricevono l’avviso, i coloni hanno 40 giorni di tempo per andarsene ottenendo in risarcimento un altro pezzo di terra e l’accesso a una serie di servizi.
Al momento i funzionari stanno sorvolando l’area per identificare gli allevamenti e gli insediamenti che non sono ancora stati notificati.
“Dopo così tanti anni di lotta, i miei fratelli e le mie sorelle awá vedono finalmente una luce e hanno la speranza di poter vivere in armonia con la loro foresta” ha detto Nixiwaka Yawanawá, un Indiano dell’Amazzonia che vive a Londra.
La scorsa settimana Padre Ton, deputato brasiliano e presidente del gruppo parlamentare sui popoli indigeni, ha denunciato i pericoli che corrono gli Awá nel corso di una conferenza al Parlamento Europeo intitolata “Gli Awá sull’orlo dell’estinzione”, indetta dall’Organizzazione delle Nazioni e dei Popoli Non Rappresentati. Alla conferenza è intervenuta anche una ricercatrice di Survival, che ha tenuto una relazione.
La scorsa settimana il giudice Carlos Madeira, che ha ordinato l’espulsione di tutti gli estranei dall’area, ha sottolineato alla TV brasiliana Globo News la grave preoccupazione internazionale per gli Awá e ha rivelato di aver ricevuto almeno 10.000 lettere da tutto il mondo che lo sollecitavano ad agire.
Il Presidente del FUNAI ha dichiarato al canale televisivo governativo che “l’organizzazione rimarrà sicuramente nella zona… per monitorare le aree indigene in modo che non avvengano più occupazioni illegali.”
Più del 34% del territorio awá è stato disboscato.
Gli Awá sono una delle ultime tribù nomadi di cacciatori-raccoglitori rimaste in Amazzonia. Se la loro foresta non sarà protetta, non sopravvivranno.

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo