Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio


la Biennale di Venezia /

71. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica 
Alice Rohrwacher Presidente della Giuria Internazionale del Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”



Sarà la regista italiana Alice Rohrwacher a presiedere la Giuria Internazionale del Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis” della 71. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2014.



Alice Rohrwacher ha vinto il Gran Premio della Giuria all’ultimo Festival di Cannes con Le meraviglie. Nel 2011 il suo primo lungometraggio, Corpo celeste, è stato presentato alla Quinzaine des réalisateurs di Cannes e poi selezionato al Sundance e ai festival di New York, Londra, Rio e Tokyo. Corpo celeste ha vinto l’Ingmar Bergman Int. Debut Award, il Nastro d’argento e il Ciak d’Oro per la migliore opera prima, il Premio Suso Cecchi D’Amico per la migliore sceneggiatura.


La 71. Mostra di Venezia si svolgerà dal 27 agosto al 6 settembre 2014 al Lido, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale presieduta da Paolo Baratta.



La Giuria Internazionale del Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”, composta da 7 personalità del cinema e della cultura di diversi Paesi, tra i quali un produttore, assegnerà senza possibilità di ex aequo, tra tutte le opere prime di lungometraggio nelle diverse sezioni competitive della Mostra (Selezione ufficiale e Sezioni Autonome e Parallele), il Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”, e un premio di 100.000 USD, messi a disposizione da Filmauro di Aurelio e Luigi De Laurentiis, che sarà suddiviso in parti uguali tra il regista e il produttore.



Negli ultimi anni si sono aggiudicati il Premio Venezia Opera Prima: Le grand voyage (Viaggio alla Mecca) di Ismaël Ferroukhi (2004), 13 - Tzameti di Gela Babluani (2005), Khadak di Peter Brosens e Jessica Woodworth (2006), La zona di Rodrigo Plá (2007),  Pranzo di ferragosto di Gianni Di Gregorio (2008),  Engkwentro di Pepe Diokno (2009), Cogunluk (Majority) di Seren Yüce (2010), Là-bas di Guido Lombardi (2011), Küf (Mold) di Ali Aydin (2012), White Shadow di Noaz Deshe (2013).



Alice Rohrwacher è nata nel 1981 a Fiesole, in Toscana, da madre italiana e padre tedesco. Ha trascorso l’infanzia e l’adolescenza a Castel Giorgio, vicino Terni, dove il padre lavorava come apicoltore, esperienza che le tornerà utile per Le meraviglie, nel quale recita anche la sorella, Alba Rohrwacher. Si è laureata in Lettere e Filosofia all’Università di Torino e, sempre a Torino, ha frequentato il corso di tecniche narrative alla Scuola Holden. Ha seguito un corso di cinema documentario alla Videoteca Municipal di Lisbona e, successivamente, ha vissuto a Berlino. Nel 2005 ha partecipato, come sceneggiatrice, montatrice e direttrice della fotografia, alla realizzazione di Un piccolo spettacolo, documentario in bianco e nero di Pier Paolo Giarolo, col quale collabora anche nel 2008, in veste di aiuto regista e montatrice, per i documentari Tradurre e Boygo. Sempre come montatrice segue la realizzazione di Le Réseau (2006) di Luciana Fina, In tempo, ma rubato (2009) di Giuseppe Baresi, Residuo Fisso (2009) di Mirta Morrone. Ha lavorato anche in teatro, come drammaturga e musicista, per diversi registi, tra i quali Eleonora Moro, Valter Malosti, Gabriele Vacis e Francesco Micheli. Nel 2006 ha realizzato l’episodio La fiumara nel documentario collettivo Checosamanca. Nel 2011 ha scritto e diretto il suo primo lungometraggio, Corpo celeste, selezionato alla Quinzaine des Réalisateurs, e presentato in numerosi festival tra cui il Sundance Film Festival, il New York Film Festival, il BFI London Film Festival, il Festival do Rio. Con Corpo celeste ha vinto l’Ingmar Bergman International Debut Award, il Nastro d’argento e il Ciak d’Oro per la migliore opera prima e il Premio Suso Cecchi D’Amico per la migliore sceneggiatura. Nel 2014 è tornata al Festival di Cannes, questa volta in Concorso, con Le meraviglie che ha vinto il Gran Premio della Giuria.



Per ulteriori informazioni

Ufficio Stampa la Biennale di Venezia

Tel. 041 – 5218857

ufficiostampa@labiennale.org



Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo