Passa ai contenuti principali

Scioccante testimonianza di un Jarawa sullo sfruttamento sessuale delle donne della tribù 4 febbraio 2014

Un giovane Jarawa racconta lo scioccante sfruttamento sessuale delle donne della tribù da parte degli esterni, con introduzione di alcol e droghe.
Un giovane Jarawa racconta lo scioccante sfruttamento sessuale delle donne della tribù da parte degli esterni, con introduzione di alcol e droghe.

Una rarissima testimonianza diretta svela la scioccante estensione dello sfruttamento sessuale delle giovani donne Jarawa delle Isole Andamane.
In una registrazione audio ottenuta da Survival e pubblicata dal quotidiano britannico The Observer, un giovane uomo jarawa racconta che i bracconieri entrano regolarmente nella riserva protetta della sua tribù e adescano le ragazze con alcol e droga per poi abusarne sessualmente.
“Le ragazze dicono che gli uomini che vengono da fuori mettono loro pressione perché facciano molte cose. Quando le ragazze si arrabbiano, le stringono con le mani e con le unghie… Le inseguono sotto l’influenza dell’alcol. Hanno rapporti sessuali con loro… Bevono alcol nella casa delle donne. Dormono nelle case degli Jarawa. Fumano marijuana e poi le perseguitano.”
In seguito, il ragazzo elenca i nomi dei bracconieri che entrano nella foresta per approfittare delle giovani donne.
L’intervista è apparsa la prima volta nell’Andaman Chronicle, un giornale locale, che cita anche l’allarmante incremento dei conflitti tra gli Jarawa e i coloni che vivono ai marigini della riserva.
Secondo le testimonianze, lo scorso fine settimana alcuni Jarawa si sarebbero scontrati con un gruppo di locali, riuniti per una festa su una spiaggia ai limiti della riserva. Si pensa che gli Jarawa vogliano punire i responsabili degli abusi.

Boa Snr era l'ultima sopravvissuta della tribù dei Bo, decimata dalle malattie introdotte dai coloni britannici.
Boa Snr era l'ultima sopravvissuta della tribù dei Bo, decimata dalle malattie introdotte dai coloni britannici.

Si è saputo anche che recentemente un gruppo di 60 coloni si sarebbe spinto fino al limite della riserva con l’intenzione di attaccare la comunità jarawa, che però si sarebbe dileguata nella foresta.
I 400 Jarawa che formano la tribù sono particolarmente vulnerabili allo sfruttamento, alle malattie e alla dipendenza da sostanze come l’alcol e la droga introdotti dai bracconieri. Questi cacciatori-raccoglitori nomadi hanno cominciato a uscire dalla foresta senza archi e frecce solo nel 1998, con l’intenzione di avere contatti amichevoli con l’esterno.
Oggi centinaia di turisti attraversano le loro terre con la speranza di avvistare i membri della tribù, alimentando un fenomeno etichettato come ‘safari umani’.
Le malattie sessualmente trasmissibili e l’HIV/AIDS costituiscono una gravissima minaccia per le tribù contattate di recente, come gli Jarawa, e solitamente sono le donne a subire il maggior sfruttamento da parte degli esterni. I vicini degli Jarawa, i Grandi Andamanesi, furono sterminati dalle malattie portate dai coloni britannici nel 19° secolo, inclusa la sifilide.
“È estremamente inquietante apprendere dalla stessa voce degli Jarawa come vengano sfruttati da uomini senza scrupoli che danno loro alcol e droga per adescare e sfruttare le donne della tribù” ha dichiarato Stephen Corry, direttore generale di Survival. “Non soltanto utilizzano queste sostanze per approfittare sessualmente di donne e ragazze indifese, ma rischiano anche di creare pericolose dipendenze che potrebbero risultare devastanti per la tribù. È assolutamente necessario che i responsabili siano consegnati alla giustizia e che tutti i funzionari che hanno permesso queste attività, o che hanno chiuso un occhio a riguardo, siano indagati e puniti”.

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo