Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: Coordimento NoTriv Molfetta

l Mare nero
A seguito delle quattro istanze presentate da Global Petroleum Limited per la ricerca d’idrocarburi in mare, il nascente “Coordinamento No Triv Molfetta”, dopo l’assemblea pubblica tenutasi domenica 15 Giugno a Piazzetta delle Erbe, ribadisce la propria opposizione ad un ennesimo tentativo, da parte delle multinazionali del petrolio, con l’avvallo delle scelte politiche in campo energetico dei governi di ieri ed oggi, di operare nell’Adriatico alla ricerca di gas o petrolio.
 

Chiede all’Amministrazione locale di farsi portavoce verso gli enti sovraordinati, ovvero, Regione e Ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo, della contrarietà dei territori costieri alle trivellazioni offshore, utilizzando tutte le leve politiche (a partire dall’inserimento nello Statuto Comunale della contrarietà all’estrazione di petrolio e gas naturale) e giuridiche (principio di precauzione) a disposizione ed attivandosi (con l’ausilio di singoli, associazioni e collettivi organizzati) per formulare entro il 4 Agosto 2014 le osservazioni alle istanze presentate dalla Global Petroleum Limited,
http://www.va.minambiente.it/Ricerca/SchedaProgetto.aspx?ID_Progetto=1415
Da parte del Coordinamento, l’incontro di domenica è stato il primo confronto pubblico su questi temi a Molfetta, cui ne seguiranno altri in tutte le città interessate e non solo per sensibilizzare la popolazione sui rischi ambientali ed economici derivanti dalle trivellazioni, invitando le stesse ad una mobilitazione permanente che vada oltre la possibile manifestazione del 25 Ottobre. L’idea di sviluppo insito in questi processi ha già manifestato il proprio volto oscuro in Emilia Romagna ed in Basilicata dove l’inquinamento del Pertusillo mette a serio rischio la potabilità delle acque non solo per la popolazione lucana, ma anche pugliese. L’illusione che le estrazioni di petrolio e gas incidano sui costi delle bollette energetiche, portando profitto a comuni e regioni interessate, è stato smentito dal conseguente peggioramento di tutte le altre attività produttive (agricoltura, pesca, turismo) che hanno svuotato la ricchezza naturale dei territori ed intensificato l’emigrazione, quando al contrario le attività di estrazione del gas e del petrolio avrebbero dovuto accrescerne il valore.
La partita che si gioca sui territori avrà aspetti fondamentali per il futuro delle comunità perché riguarda la tutela della salute, lo sviluppo sano dell’economia ripartendo dalle eccellenze delle nostre zone, il rispetto della Costituzione con il tentativo evidente di mettere in discussione il Titolo V che garantisce alle regioni l’autonomia nelle scelte in campo energetico.

Coordinamento  No – Triv Molfetta

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo