Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: Associazione Culturale EUREKA



   In data 19 giugno si è costituita a Corato l’Associazione Culturale EUREKA. I soci fondatori sono: la dott.ssa Rossana Bucci in qualità di Presidente, nonché Consulente del Lavoro, il dott. Oronzo Liuzzi Vice Presidente, artista e scrittore e il giornalista Franco Tempesta segretario. La sede è in Via Torquato Tasso n.30.



   L’associazione non ha finalità accademiche né vuole rientrare nel novero delle infinite associazioni sterili o limitate a circoli ricreativi;   ma intende muoversi con finalità autentiche e originali che promuovano la dinamicità delle  idee  per una corretta crescita del conoscere, orientata verso fondamentali principi umani e plastici della nuova realtà sociale. Pertanto sarà aperta alle problematiche locali e si prefigge la realizzazione di un divenire costante di eventi originali, volti alla promozione di idee che coinvolgeranno a tutto tondo il mondo culturale giovanile e non, al fine di favorire una sua crescita, anche estetica, fornendo spunti meditativi autentici e completamente radicali.  

   Le finalità e ‘il fare’ saranno numerosi e impegnativi sul territorio di Corato con progetti innovativi che riguarderanno arte,  letteratura, performance, giornalismo, cinema, storia, non trascurando il patrimonio artistico locale con le sue tradizioni, la medicina alternativa, al fine di motivare la persona a prendersi cura personalmente del suo stato di salute in modo alternativo senza intaccare la medicina ufficiale; e inoltre, la viodeoarte, conferenze e convegni su temi e problematiche aziendali e territoriale, teatro, archeologia ecc..

   “L’idea è quella di avvicinare l’arte” sostiene la dott.ssa Rossana Bucci “alle realtà aziendali, perché si crei una sinergia attiva tra arte e territorio, per promuovere e valorizzare le realtà locali ed extralocali del nostro territorio. Quindi, cercare di lavorare con desiderio e serietà per una valorizzazione e promozione positiva” continua Bucci “dal punto di vista aziendale e artistico, con la partecipazione attiva da parte dei giovani, in modo da far conoscere Corato, mediante rapporti, finalità e interscambi culturali, per favorire nello  stesso tempo le strutture turistiche e tutte le nostre bellezze e ricchezze territoriali al fine di  aumentare il flusso turistico nazionale e internazionale”.

   Saranno coinvolti personaggi illustri del mondo artistico, letterario, culturale e scientifico, così da creare una attiva partecipazione con l’intera popolazione. Una associazione dove non mancherà la speranza, l’identità e il vedere con occhi diversi.

   Anche le scuole saranno integrate e coinvolte nei progetti e nei programmi dell’associazione, al fine di creare una forza solida verso un cammino sicuro, aperto e promettente per i ragazzi, con l’intento di stimolarli a nuove sensazioni estetiche, artistiche e creative per una corretta comprensione e conoscenza critica.

   L’obiettivo è anche quello di tener presente le altre associazioni esistenti sul nostro territorio, nel segno forte di collaborazione e di cooperativismo.

   Le possibilità e le potenzialità ci sono. Per crescere. Per instaurare un nuovo divenire e destino culturale. Un vento fresco. Un mondo parallelo più simile al contemporaneo. Il tutto attraverso l’utilizzo di perseveranza e della buona volontà.

  

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo