Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Rossana BUCCI e Oronzo LIUZZI a Bari per In Nomine Sancti Nicolai a cura di Stefania Cassano


AnimARSi Associazione Artistica Culturale
presenta:
In Nomine Sancti Nicolai
a cura di Stefania Cassano

dal 4 al 27 maggio 2016

Chiesa Russa di San Nicola Il Taumaturgo,  Corso Benedetto Croce, Bari
Palazzo Barone Ferrara – Spazio Apulia, Corso Vittorio Emanuele 102/a, Bari
Biblioteca Ricchetti, Via Sparano 145, Bari

Sarà presentato nella suggestiva Chiesa Russa di San Nicola Il Taumaturgo - corso Benedetto Croce a Bari -  il 4 maggio alle ore 18.00,  l'evento "In Nomine Sancti Nicolai", omaggio al Santo Patrono della città di Bari SAN NICOLA , da Animarsi Associazione Artistica Culturale,  sotto la direzione artistica della presidente Stefania Cassano:  alla presenza delRettore della Chiesa Russa, Padre Andrey Boytsov ; performance del Maestro Tarshito, con l'interazione del Coro della Chiesa Russa ed il pubblico presente,  simbiotico “scambio spirituale fra Arte ed Anima” e l’ecumenica visione della figura nicolaiana, da cui la manifestazione trae ispirazione.
Il 5 maggio alle re 18.00 vernissage nella prestigiosa location del Palazzo Barone Ferrara - Spazio Apulia, corso Vittorio Emanuele 102/a -  alla presenza delle Istituzioni: dott.ssaLoredana Capone, Assessore Industria Turistica e Culturale Regione Puglia, dott. Antonio De Caro, Sindaco di Bari,  Silvio Maselli, Assessore alle Culture eTurismo. Partecipazione e attuazione del programma: Padre Ciro Capotosto, Rettore della Basilica di San Nicola, benedirà l'evento; partecipazione straordinaria dell’Archimandrita  Arsenio Aghiarsenita  - Chiesa Greco-Ortodossa di San Nicola di Brindisi, Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli,  con un particolare momento corale in greco antico.
Esposizione eccezionale dei bozzetti del grande Maestro Aligi Sassu (1912/2000), preparatori dell’affresco realizzato nel 1963 nella Chiesa di San Nicoló di Nughedu (SS) in Sardegna (per la prima volta fra centro e sud Italia).
In mostra - realizzate in esclusiva per la manifestazione - opere di: Rossana Bucci-Oronzo Liuzzi, Lucia Buono, Pierluca Cetera, Monica Steliana Cirtita, Maurizio Gabbana, Raimondo Galeano, Claudio Giulianelli, Alberto Lanteri, Mimmo Laterza, Nicola Liberatore, Mario Pierri, Massimo Quarta, Celestina Salemi in arte Celeste, Arianna Spizzico, Oleg Supereko, Tarshito.
21 Maggio ore 10.00 Incontro presso la storica Biblioteca Ricchetti, via Sparano 145, Bari: “San Nicola e l'ecumenismo”, introdotti dalla presidente Associazione AnimARSi - Stefania Cassano - interverranno: prof. Pasquale Corsi, presidente Società Storia Patria per la Puglia;Padre Donato Giordano, Osb Istituto Teologico Pugliese (ecumenista) e Rettore del Santuario della Madonna di Picciano (MT); prof. Michele Loconsole, teologo e scrittore; prof.ssa Roberta Sìmini, Istituto Teologico Pugliese (esperta in patristica); modera prof. Leonardo Lestingi.
Contributi critici al catalogo: Carmelo Cipriani, Maurizio Vitiello.
Fotografia: Rosaria Pastoressa per AnimARSi associazione  artistica culturale.

Dal CATALOGO, scrive la curatrice:

“Così come nell’Arte il “mezzo espressivo” è chiamato “medium”, Nicola può certamente essere riconosciuto quale “medium” espressivo della possibile riconciliazione fra le religioni per l’intrinseco significato ecumenico della Sua figura:  amato e venerato com’è in tutto il pianeta, è la figura santa più potente ad esprimere l’unione agognata da sempre fra le tre grandi religioni monoteiste, riconosciuto “ponte spirituale” fra Oriente ed Occidente (epico e beneaugurale l’incontro avvenuto a febbraio di quest’anno: Papa Francesco, simbolo della Chiesa cattolica cristiana ed il Patriarca Ortodosso Kirill, rappresentante religioso della Chiesa ortodossa , un dialogo interrotto fra le due religioni dal lontano 1054 che pare finalmente ripartire).
E’ stato naturale quindi, avvertire questo spontaneo parallelismo, l’essere “medium” – mezzo espressivo – di qualcosa di più grande, di quel disegno divino che è il dono dell’essere umano di farsi interprete dello spirituale attraverso il proprio operato, appunto San Nicola con la Sua vita, l’artista con la sua Arte.
“…la pittura è una forza che ha il suo fine e deve servire allo sviluppo e affinamento dell’Anima…”.“...se l’Arte si sottrae a questo compito rimane un vuoto, perché nessun’altra forza può sostituirla
Le potenti citazioni di Vassilj Kandinskij ne “Lo Spirituale nell’Arte” non possono non essere qui richiamate: l’Arte come manifestatrice di necessità interiore profonda e trascendente, alternanza eterna dei linguaggi fra essa e l’ Anima in un dialogo infinito e necessario, oltre ad essere ispirazione della manifestazione “IN NOMINE SANCTI NICOLAI”, sono “mission operativa” di Stefania Cassano, nella ideazione ed esecuzione progettuale; “L’artista deve avere qualcosa da dire, perché il suo compito non è quello di dominare la forma, ma di adattare la forma al contenuto. [...]”
Compito primario dell’arte, quindi e della pittura in particolare, è “disvelare”, come Nicola dis-velava il messaggio altissimo dello spirito con le sue azioni, consentendo al fruitore che il messaggio agisca e comunichi la “vera rivelazione” che proviene dall’alto, spiritualità dell’arte - non a caso l’artista, nell’ottica kandinskyana, è ritenuto un vero “missionario” così come Nicola lo è stato nel suo operato di vita -  che trasmette ed addita all’uomo la necessaria forza per vivere: i contenuti della Fede e le Scritture, resi manifesti attraverso la propria arte l’artista/ il proprio operato – San Nicola, quale più forte, simbiotico parallelismo?”

Stefania Cassano

Orari mostra: dal martedì al venerdì 11/13 - 17.30/20
Chiusura mostra: 27/5/2016 ore 13.00
Informazioni: 393 9183405 – assanimarsi@gmail.com

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo