Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: Ridisegnare il negazionismo



In queste ore gira la notizia che in commissione al Senato sarebbe stata reinserita la parola "pubblicamente" in un fantomatico "ddl negazionismo". Un cittadino normale che si imbatta in questo titolo rimane certo un poco basito. Negare cosa? Ma soprattutto, perché lo Stato dovrebbe intromettersi se qualcuno neghi alcunché in privato, al riparo da occhi e orecchi indiscreti?

Domande legittime, cui la così detta informazione dovrebbe dare una risposta preventiva, sempre che il suddetto cittadino abbia la beata voglia di ascoltarla.

Innanzitutto il provvedimento in esame non ha in oggetto una negazione, ma al contrario una affermazione precisa: eliminare tutte le forme di discriminazione razziale. La fecero le Nazioni Unite nel lontano 1966 e l'Italia la ratificò nel 1975, modificandone più volte nel tempo l'impianto sanzionatorio, l'ultima nel 2006, ma sempre senza attenuarne le fattispecie di reato che, va da sè, sono finalizzate alla discriminazione razziale. Ecco, siccome viviamo in una società che ormai ha risolto ogni conflitto legato a ragioni di razza, colore della pelle, religione, origine nazionale o etnica - diamine è sotto gli occhi di tutti! -, ecco che il Parlamento ha deciso di andare infine in controtendenza. Veniamo quindi al "pubblicamente", termine di per sé innocente, se non collocato come è stato fatto, tra le parole "istiga" e quelle "a commettere atti di discriminazione, violenza, provocazione alla violenza". Ciò significa che, a meno di non incappare in novelli hitler che declamino in pubblica piazza alla soluzione finale, sarà molto, molto più difficile per l'autorità giudiziaria punire i mandanti di azioni violente per odio razziale o religioso.
Questa semplice precisazione forse lascerebbe comunque indifferenti molti italiani, o forse no: basterebbe fargli notare che, in una società globale e multiculturale, prima o poi potrebbero trovarsi anche loro dalla parte dei discriminati.



Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo