Passa ai contenuti principali

Al Festival internazionale di Film Corti “Tulipani di Seta Nera” in Giuria anche il CineClub “V. De Sica”

Roma. “Tulipani di Seta Nera” è un Festival Internazionale di Film Corti, organizzato da “L’Università Cerca Lavoro”, su idea di Paola Tassone.

L’obiettivo è di promuovere il lavoro di giovani autori che con le proprie opere ed immagini narrano “non il semplice racconto di una diversità, ma l’essenza della diversità, sapendola soprattutto valorizzare”. In occasione della Decima edizione 2017 - che si svolgerà durante le giornate del 28 e 29 aprile alla Casa del Cinema e nella serata di Gala del 30 Aprile presso il Teatro Olimpico di Roma - anche quest’anno Rai Cinema Channel partecipa alla manifestazione invitando tutti gli utenti a visualizzare online il proprio cortometraggio preferito. 



34 sono i cortometraggi selezionati da Rai, che in quest’edizione sono disponibili come video on demand su questo sito e sul portale Rai.tv. L’attenzione verso il cinema dei nuovi autori emergenti si coniuga con la doverosa opera di sensibilizzazione su un tema sociale così delicato e complesso. Un centinaio i Film selezionati, venerdì e sabato giornate di visioni e di tavole rotonde sul Cinema a tema, prologo della serata di Gala al Teatro Olimpico, che si prevede affollatissima come da tradizione. Alla conferenza stampa di presentazione è stato ribadito l’intento del festival: “Un appuntamento importante che si sta consolidando nel circuito dei cortometraggi attraverso un tema altrettanto significativo:l’integrazione-sociale”. La serata di gala sarà presentata da Metis Di Meo e Franco Di Mare; Presidente di Giuria è Caterina D’Amico e il Vice Presidente Carlo Brancaleoni, mentre la Madrina ed il Padrino dell’evento sono Valeria Milillo e Gian Marco Tognazzi; la Presidente della Giuria di VariEtà è Sara Iannone. 



 Della Giuria di critici fanno parte anche Armando Lostaglio, fondatore e responsabile del CineClub “Vittorio De Sica” – Cinit, e Chiara Lostaglio (studiosa ed attivista di cinema) che con soddisfazione hanno risposto all’invito del collega romano Catello Masullo, fra i promotori ed instancabile ideatore di rassegne di Cinema di qualità. L’autrice e curatrice del Festival, Paola Tassone sostiene che “l’idea alla base della nostra manifestazione rimane quella di mettere in risalto una diversità che porta poi all’uguaglianza. L’obiettivo è quello di utilizzare il cortometraggio come mezzo per dare al pubblico la possibilità di riflettere”.

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo