Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Lavello: THE GLOVE – Un mediometraggio noir Una storia enigmatica



THE GLOVE – Un mediometraggio noir 
Una storia enigmatica in uscita il 1 Maggio 2017 al Cineteatro San Mauro di Lavello 

24Frames, un collettivo di filmmaker della città di Lavello, ha realizzato un mediometraggio di 50 minuti dal titolo “The Glove”. Il film racconta delle vicende di Edman e del suo sogno ricorrente che si ripercuote con effetti negativi nella vita di tutti i giorni. Di notte il suo inconscio si lascia sedurre da una femme fatale prima di ricevere un colpo di pistola, di giorno il suo raziocinio cerca di dare una spiegazione a quelle immagini che lo tormentano assiduamente. Tra i problemi sul lavoro e le scenate di follia, il rapporto con la sua fidanzata si logora nonostante sia l’unica cosa che il ragazzo cerca, invano, di preservare. Il processo di maturazione personale che si sviluppa per tutta la durata della pellicola, porterà il protagonista a risolvere l’enigma e a riprendere in mano la sua vita. L’intraprendenza degli autori ha raccolto il parere favorevole della Lucana Film Commission nella figura del Direttore Paride Leporace che ha dichiarato: «La Lucana Film Commission guarda con attenzione alla sperimentazione indipendente di un valido gruppo creativo di Lavello che è riuscito a portare a termine il mediometraggio "The Glove" cimentandosi con poche risorse economiche e molta passione in un genere complesso come il noir. Accompagneremo questa significativa esperienza sperando di aggiungere un altro nome all'elenco delle start up che rafforzano il distretto del cinema e dell'audiovisivo di Basilicata». Il progetto ha richiesto un impegno di quattordici mesi all’interno dei quali i ragazzi hanno investito le loro risorse in termini di tempo e denaro per raggiungere un obiettivo figlio di mera passione verso il mondo del cinema. La dedizione del collettivo e la presenza delle strade della città di Lavello come luoghi di svolgimento della trama hanno spinto l’amministrazione comunale e il Forum dei Giovani di Basilicata a concedere il patrocinio per un evento di proiezione dell’opera al Cineteatro San Mauro in data 1 maggio 2017 a seguito del quale verrà proposto un dibattito sulla creatività giovanile.

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo