Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in primo Piano: LUNEDI’ 4° SLALOM CITTA’ MELFI RAPOLLA


È anche il 1° Memorial dedicato alla memoria di Mossucca e De Simone 
 Sono pronti a rombare forte ed a scattare, al momento del via, le auto partecipanti al 1° Memorial Gerardo Mossucca e Maurino De Simone, che si corre lunedì primo maggio sui 3,8 km che dividono le città di Rapolla e Melfi. È ormai tutto pronto ed il programma, messo a punto dagli organizzatori, la Asd Scuderia Melfi Corse, da poco nata e presentata al pubblico ed agli appassionati, insieme con la Basilicata Motorsport dell’esperto Carmine Capezzera, è pronto a concretizzarsi, con le verifiche tecniche da parte dei giudici domenica 30, dalle 16 alle 21, e poi al mattino del 1° maggio, dalle 7 alle 8 per coloro che arriveranno il giorno della gara. Sono, al momento, circa 80 la auto iscritte alla gara di slalom trai birilli e nella guida veloce ma senza pericoli, prevista nelle curve che, da Rapolla, portano al Piazzale della Stazione di Melfi, attraverso la Sp 303 ma, come detto, potrebbero essercene tante altre, arrivate in extremis, con Basilicata, Puglia, Campania e Calabria interessate all’evento con loro partecipanti a bordo di auto storiche con tutti i crismi della sicurezza che il regolamento Aci Csai prevede per questo tipo di gare e la forza e la volontà di dimostrare il proprio valore e la gestione dei cavalli lungo il percorso che, come detto, prevede curve e birilli, in ossequio proprio alla massima sicurezza, con gli stessi birilli aumentati di numero, visto il tracciato tortuoso ed un fondo stradale non al meglio, e con interventi effettuati sull’asfalto anche negli ultimi giorni, grazie all’intervento di privati e dei comuni di Melfi e Rapolla, che patrocinano la manifestazione. La gara, voluta per poter ricordare la passione comune di due grandi dello sport dei motori di Melfi, Gerardo Mossucca ed il suo amico e compagno di equipaggio Maurino De Simone, scomparsi entrambi, il primo nel 2011 e il pilota invece tragicamente nel 93, proprio mentre puntava al successo in casa nel Rally Del Vulture. La stessa gara è valida come prima prova del 14° Campionato Interregionale di Slalom di Basilicata e Puglia, e si concretizzerà, a partire dalla ricognizione del percorso, dalle 10 di lunedì 1° Maggio su tre manche cronometrate dai giudici della Federazione Nazionale Cronometristi, con tempi riportati in diretta sul loro sito, per meglio seguire l’evolversi della sfida tra i partecipanti, e per designare la classifica finale ed i vincitori, sarà valido il migliore dei tempi, per ognuno dei concorrenti in gara. E che i motori rombino, o meglio, tornino a rombare sulla Rapolla Melfi, dopo oltre 10 anni di assenza!

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo