Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: A MELFI GIOCHI E SPORT PER IL LAVORO


Spazio per giocare, divertirsi e fare sport, senza dimenticare il valore del 1° maggio
In occasione della festa dei lavoratori, e per l’importanza di trasferire sempre valori forti alle giovani generazioni, l’Associazione melfita “Arci – La Bottega delle Emozioni” di Mauro Patanella, in stretta e proficua collaborazione con la Uisp e con la Scuola Calcio Iorio, organizza “Giochi e sport per il lavoro”.


“E’ un altro degli importanti momenti che ci contraddistinguono come associazione che ha a cuore lo sport per tutti ma soprattutto il trasmettere, tramite lo sport e la socializzazione, i valori come la liberazione, nell’occasione del 25 aprile, la solidarietà e l’accoglienza come nel caso di far fare attività insieme ai ragazzi di Melfi e della zona con i ragazzi in fuga da guerra e povertà e che sono da noi chiedendo asilo, cosa che abbiamo già provato e che ripeteremo anche per il 1° maggio – ha detto il responsabile dell’evento Mauro Patanella – oltre al valore forte del lavoro, della dignità che esso da all’uomo, rendendo davvero libero, del diritto di tutti ad un lavoro, cosa che ribadiamo con forza in questa manifestazione che ripetiamo ogni anno”. Quindi sport e lavoro, gioco e convinta riflessione sui temi del lavoro e dell’integrazione sociale, questo lo zoccolo duro su cui l’evento si è costruito una sua identità forte nel tempo e che ripete, anno dopo anno, in occasione della festività dei lavoratori. Il tutto nella villa comunale, lunedì 1° maggio, con questo interessante programma. Dalle 9 alle 11, si svolgeranno un torneo ricreativo di bocce, una rassegna giovanile di calcio a 5, una serie di giochi popolari (corsa dei sacchi, tiro alla fune, percorsi nella natura, salti nei cerchi, ecc) ed in particolare “Un pallone per l’integrazione”, ovvero una partita di calcio a 5 tra ragazzi di Melfi ed il gruppo dei richiedenti asilo ospitati sul nostro territorio. Al termine ancora un evento importante, con “Due calci per il lavoro” tra squadra comprendenti lavoratori, operai, artigiani, imprenditori, rsu sindacali opposta ad un team con rappresentanti istituzionali e della società civile. Seguiranno ristoro per tutti e le premiazioni finali.

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo