Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Potenza. "L'INTIMO SEGRETO dei McFinn" di Marcella Nigro



"Ho sempre voluto pubblicare qualcosa di mio e nel 2013 ho scritto questo primo romanzo intitolato "L'INTIMO SEGRETO dei McFinn" (GDS), e nel 2016 il libro esce in formato e-book su tutte le piattaforme online. Le due caratteristiche principali della pubblicazione sono il ritmo incalzante degli eventi che quasi non lascia fiato, e l'imprendibile dinamica degli accadimenti". 


Questo è il commento di Marcella Nigro a poche ore dalla presentazione del suo libro a Potenza, un evento culturale già proposto in altre città italiane e che si svolgerà oggi, sabato 29 aprile, alle ore 18.00, al "Basile Experience", in via del Gallitello 72, alla alla presenza dello scrittore lucano, Domenico Lauria, che modererà la serata e di Teresa Lettieri, esperta in comunicazione. 


È nata a Modena nel 1969, di origine pietrapertosane, risiede a Zola Pedrosa, in provincia di Bologna, è diplomata Operatore Turistico, lavora a Bologna come assistente di direzione e la storia narrata dalla scrittrice Marcella Nigro nel romanzo giallo, vincitore nella sezione narrativa della seconda edizione del "Premio Internazionale Michelangelo Buonarroti", si svolge ai giorni nostri in Scozia, in un antico maniero dove vive una tipica famiglia benestante. Il capo famiglia Henry invita i tre figli, Jacob, Beth e Vivian, e le loro famiglie, a trascorrere un lungo week end presso di lui e sua moglie Kate, apparentemente senza nessun motivo. In realtà, Henry e Kate, hanno deciso di svelare un segreto di famiglia che stravolgerà completamente le loro vite. 


In questi pochi giorni riaffioreranno antichi sentimenti e intrecci nascosti, tutti avvolti in una serie inspiegabile di omicidi intervallati da scene erotiche quanto pericolose. "La narrazione è ricca di situazioni che avvincono e coinvolgono il lettore dall'esoterismo, ai passaggi segreti, sino alle sedute spiritiche, e naturalmente lo stesso erotismo che si sprigiona liberatorio tra i protagonisti. 


Proprio questo aspetto, vuole essere una peculiarità, una sfaccettatura dai risvolti accattivanti e sfuggenti che ambisce a scuotere la sensibilità del lettore. Quindi, l'eros identifica al tempo stesso una variabile costante, un filo conduttore nella trama che lo condurrà per mano verso la scoperta de "L'INTIMO SEGRETO dei McFinn". 

Rocco Becce robexdj@gmail.com

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo