Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Sagra dell'Asparago Lucano




Si terrà il prossimo 1° Maggio 2017, dopo il successo del 25 Aprile, a Satriano di Lucania la replica della quarta edizione della Sagra dell’Asparago Lucano organizzata dall’associazione Eventi Green in collaborazione con l’agenzia di viaggi Ivy Tour (gli stessi organizzatori del Carnevale di Satriano).
In questo periodo è molto gratificante unire un'escursione nei boschi alla raccolta di un prelibato alimento selvatico. Dopo la fatica della ricerca, si guarda il "mazzo" orgogliosi e si torna a casa felici per cucinare il proprio piatto preferito. Ci sono i fanatici della frittata, sono tipi rustici. Secondo loro qualsiasi altro utilizzo è un compromesso storico. Gli amanti del risotto, esteti dell'equilibro dei gusti, ne esaltano la delicatezza. La via di mezzo sono gli spaghettari: associano il profumo del bosco al sapore vellutato.
Il programma della Sagra inizia alle 9:00 con un'escursione alla ricerca di asparagi selvatici. Gli asparagi sono di chi li raccoglie e verrà premiato chi ne avrà raccolto di più durante l’escursione. L'escursione si apre con un assaggio di prodotti tipici. La giornata è completamente dedicata al prezioso germoglio che abbonda sulle colline lucane. Prima e dopo il pranzo sarà possibile acquistare asparagi selvatici freschi e prodotti tipici.
In alternativa all'escursione si propone una visita guidata al sito archeologico e al museo della Torre di Satriano oppure ai murales del centro storico di Satriano oppure si può prendere parte all'attività del Ponte narrato al Ponte alla Luna di Sasso di Castalda. Alle 12:30 si visita l’azienda agricola Pucciariello Fattoria Bio che produce anche asparagi. La stessa azienda, che è anche un agriturismo, cucinerà i propri prodotti per presentare un menu completo a base di asparagi lucani. Il pranzo sarà allietato da musica popolare tradizionale. Alle 17:00 una sorpresa finale precederà i saluti.
La scelta di organizzare una Sagra dentro un ristorante è dettata dalla volontà degli organizzatori di ridurre lo spreco di cibo e l'impatto della manifestazione infatti verranno totalmente boicottate le stoviglie monouso, inoltre verranno utilizzati esclusivamente prodotti di stagione, a filiera corta e a chilometro zero. Tutte queste pratiche renderanno la Sagra dell'Asparago un “Evento Green”.
Per prendere parte alla Sagra è necessario prenotare il proprio posto entro il 30 Aprile: 3295320026, rocco@ivytour.it, il sito ufficiale è www.alparcolucano.it.
Per le escursioni indossare scarpe da trekking, pantaloni lunghi (preferibilmente jeans), t-shirt a manica lunga (per non graffiarsi), cappellino. Portare acqua e t-shirt di ricambio. A Satriano è presente un'area sosta comunale gratuita per camper con carico/scarico e free WiFi. Come arrivare: dalla S.S. 95, uscita Satriano Nord, al primo incrocio svoltare a sinistra in direzione Satriano, dopo circa 700 metri svoltare a destra e seguire le indicazioni per Agriturismo Fattoria Bio; dalla A3 Salerno – Reggio uscita Polla, seguire la S.P. Isca Pantanelle direzione Caggiano (Satriano-Polla), alla fine della provinciale girare a destra in direzione Satriano. Dopo circa 700 metri svoltare a destra e seguire le indicazioni per per Agriturismo Fattoria Bio.

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo