Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Corigliano Rossano (Cs) - CODEX. Il sacro dell'Arte


CODEX. Il sacro dell'Arte. Omaggio al Codex Purpureus Rossanensis
Mostra Internazionale di Libri d’Artista

a cura di Teo de Palma e Ombretta Gazzola

promossa da Biblioteca Minnicelli, Corigliano Rossano (Cs)

con il patrocinio del Museo Diocesano e del Codex, della Biblioteca Diocesana Santi Nilo e Bartolomeo, dell'Amministrazione Comunale di Corigliano Rossano e dell'Università della Calabria, Dipartimento di Studi Umanistici.
Complesso monumentale di S. Bernardino – Rossano (CS)

21 settembre - 20 ottobre 2019

Inaugurazione: 21 settembre, ore 18,30

Catalogo: Edizioni Gutenberg, Baronissi (Sa)

La mostra, promossa dalla Biblioteca Minnicelli di Corigliano Rossano con il patrocinio del Museo Diocesano e del Codex, della Biblioteca Diocesana Santi Nilo e Bartolomeo, del Comune di Corigliano Rossano e dell'Università della Calabria, intende rendere omaggio al Codex Purpureus Rossanensis, splendido Evangeliario greco miniato, che gli studiosi datano tra il V e il VI secolo d. Cr. e che nel 2015 è stato riconosciuto dall'Unesco di Parigi Patrimonio Universale dell'Umanità, nella categoria "Memory of the world".
Al tempo stesso l'intenzione della Mostra è anche quella di sollecitare gli Artisti ad una riflessione sull'attualità del concetto di sacro nell'Arte, come auspicato da Paolo VI in una sua famosa lettera agli Artisti, a conclusione del Concilio Vaticano II. (1965).
La mostra si inserisce nel progetto Vedere Parole, che la biblioteca Minnicelli ha avviato nel 2013 con la mostra dei libri d’artista svoltasi nel castello di Amendolara e nel complesso di S. Berardino.
The exhibition, promoted by the Minnicelli Library of Corigliano Rossano with the patronage of the Diocesan Museum and the Codex, of the Diocesan Library of Saints Nile and Bartholomew, of the Municipality of Corigliano Rossano and of the University of Calabria, intends to pay tribute to the Codex Purpureus Rossanensis, a splendid Evangeliary Greek Miniato, which scholars date between the fifth and sixth centuries AD Cr. and that in 2015 it was recognized by UNESCO in Paris as a Universal Heritage of Humanity, in the "Memory of the world" category.
At the same time, the intention of the exhibition is also to urge the artists to reflect on the topicality of the concept of the sacred in art, as advocated by Paul VI in a famous letter to the artists, at the conclusion of the Second Vatican Council. (1965).
The exhibition is part of the Vedere Parole project, which the Minnicelli library launched in 2013 with the exhibition of artist books held in the castle of Amendolara and in the complex of S. Berardino

Hanno aderito al progetto gli Artisti: ABATE Rocco, AGOSTINI Laura, ALTOBELLI Franco, AMBROSINO Antonio, ANELLI Salvatore, ATTIANESE Michele, BARBA Calogero, BEDNARSKA Kamila, BENZONI Claudio, BONADUCE Maria, BOSCHI Anna, BUCCI Rossana, CALO’ Alessandra, CAPORALE Antonio, CARAVITA Lamberto, CARRASCO Olenka (Venezuela), CELATI Berardo, CHEN Li (Cina), CHOMICZ Malgorzata (Polonia), CICCONI Fabrizio, CORSITTO Carmela, CORTESE Marisa, CREDIDIO Maria, CRONA Karin (Svezia), DE LEO Mario, DE MITRI Giulio, de PALMA Teo, DECEMBRINO Carmen, DIOTALLEVI Marcello, DONNARUMMA Giovanna, FEDI Fernanda, FLACCAVENTO Franco, GALLETTI Teresa, GAMBATESA Regina, GIANINETTI Roberto, GINI Gino, GIULIANA Lillo, IPPOLITO Gennaro, KELLY Jean Marie (Canada) , KOUWENHOVEN Paula (Olanda), LAGROTTERIA Massimo, LANGE Judith, LIBERATORE Nicola, LIUZZI Oronzo, LO COCO Mario, MAGGI Ruggero, MAGRO Francesca, MARRA Max, MILIANI Alberto, MONTAGNANI Gianremo, MORGESE Giovanni, MUELLER-BAJI Susanne (Germania), OFFERGELT Florine (Olanda), PANELLA Franco, PANGARO Rocco, PATTI Enzo, PETRUNGARO Anna, PINGITORE Tarcisio, PROTA Giurleo Antonella, PUNZINA Samantha, QUINDI Rosella, REA Mauro, ROTUNDO Lucia, RUGGIERO Enzo, SALTINI Andrea, SASSU Antonio, SAVOIA Pino, SERGIO Gianfranco, TESTORI Roberto, TONON Vittorio, VALENTINO Giuseppe, ZDANSKI Clarice (Stati Uniti).

Nella foto: “Archeologia della scrittura” di Oronzo Liuzzi

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo