Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: “LA COMUNITÀ CHE VIENE DAL FUTURO”, IL 30 NOVEMBRE A GIOIA DEL COLLE


Un convegno per discutere di futuro e del concetto di comunità con rappresentanti del mondo dell’associazionismo e della cooperazione. Per ricordare Franco Ferrara, e il suo forte impegno nel sociale. Dalle 9 alle 18 nel Palazzo Comunale di Gioia del Colle, presenti il sindaco Giovanni Mastrangelo e l’assessore alle politiche sociali, Giovanna Pontiggia.

“La comunità che viene dal futuro” è il titolo del convegno organizzato il 30 novembre 2019 a Gioia del Colle (ore 9/18 - Sala De Deo, Palazzo Comunale, Via G. Rossini) con l’obiettivo di raccogliere intorno all’idea di Futuro e al concetto di Comunità rappresentanti del mondo dell’associazionismo e della cooperazione impegnati ogni giorno nella tutela dei diritti sociali e civili di bambini, ragazzi, giovani, adulti in condizioni di fragilità, per realizzare una comunità accogliente e responsabile, un mondo a misura di tutti. L’iniziativa è promossa dal Centro Studi Erasmo onlus di Gioia del Colle, con il patrocinio del Comune di Gioia del Colle , in collaborazione con Associazione Cercasi un Fine , Associazione Dino Lovecchio , Collegamento Italiano di Lotta alla Povertà – EAPN Italia , MoVi Nazionale , Associazione Luciano Tavazza , Comitato di quartiere Rinascita , Itaca Cooperativa sociale . “La comunità che viene dal futuro” è il titolo di uno degli ultimi scritti inediti di Franco Ferrara, fondatore e Presidente del Centro Studi Erasmo onlus. Ad un anno dalla sua morte lo si vuole ricordare con uno sguardo rivolto al futuro, ripartendo dal suo pensiero e dal suo impegno nel sociale, per proseguire un cammino che viene da lontano. La memoria dei futuri desiderati, ciò che di loro è stato, può aiutare a comprendere il presente e a rivitalizzarlo. Nelle memorie di futuro sono conservati futuri altri rispetto a quelli che si sono realizzati. Questi orizzonti di futuro sperati, cercati, possono diventare una risorsa, idee diverse di futuro. Possono essere assunti come propri orizzonti. Ogni generazione possiede la capacità di sperare. Ricordare le speranze di chi ci ha preceduto, le speranze di Franco Ferrara, crea un’eredità di pensiero e di azione. Quale futuro ha sperato Franco Ferrara per il Sud, per l’Europa, per la Chiesa? Quali fili di futuro sono stati spezzati, come e perché ciò è avvenuto? Quali possono essere riannodati? Sono queste le domande che attraverseranno l’intensa giornata di riflessione. La partecipazione è gratuita. In considerazione dei posti limitati è gradita l’iscrizione all’indirizzo mail segreteria.erasmo@gmail.com, al quale è possibile chiedere ulteriori informazioni.

PROGRAMMA
Ore 9.00
Saluti e presentazioni
Pasqua Demetrio, presidente del Centro Studi “Erasmo”
Eulalia Mirizio, moglie di Franco Ferrara
Giovanni Mastrangelo sindaco Comune di Gioia del Colle
Giovanna Pontiggia, assessore alle politiche sociali
“ FRANCO SI RACCONTA”
Proiezione di un videoclip tratto da “Intervista a Franco Ferrara” realizzato dall’Istituto di Ricerca “Meters”
A cura di Paola Ferrara, operatrice culturale
Il significato di una giornata dedicata a Franco Ferrara
Don  Rocco D’Ambrosio, presidente dell’associazione “Cercasi un Fine”
“ LA COMUNITA’ CHE VIENE DAL FUTURO”
Raniero La Valle, giornalista, politico e intellettuale
Ore 11.00 - Pausa
Ore 11.30
La memoria dei futuri desiderati, raccontata dai protagonisti
Introduce Damiano Maggio del “Centro Studi “Erasmo”
“ FRANCO SI RACCONTA (2)” videoclip
Lo sviluppo locale: animare i territori del Mezzogiorno. 
Michele del Campo, direttore F.I.L. Formazione Innovazione Lavoro
“ FRANCO SI RACCONTA (3)” videoclip
QUANDO IL VOLONTARIATO TESSE LEGAMI SOCIALI
Gianfranco Solinas, Rete sociale “Bambini, ragazzi e famiglie al sud”
“ FRANCO SI RACCONTA (4)” videoclip
Welfare community: dai centri studi alla concertazione
Mimmo De Simone, presidente associazione “Luciano Tavazza”
Ore 13.30 - Pausa pranzo
Ore 15.00
Gruppi di discussione sui temi affrontati nella mattinata 
Ore 16.00
Tavola rotonda: “Riannodare i fili. Idee diverse di futuro”.
Introduce e modera Pasqua Demetrio
Gianluca Cantisani, presidente nazionale Mo.V.I.
Piero D’Argento, docente LUMSA, Taranto
Filippo De Bellis, presidente APIS
Agenzia Pugliese di Intervento e Studio sulle Dipendenze
Nicoletta Teodosi, presidente CILAP-EAPN Italia
17.30
Conclusioni
Natale Pepe, vice-presidente “Centro Studi Erasmo”

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo