Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi: NOSTALGIA FILM FESTIVAL - IRAN, MILANO


Fra i Partner culturali il CineClub "V. De Sica"-Cinit di Rionero in Vulture 

 _NOSTALGIA FILM FESTIVAL_ (_NFF_) è il primo Festival Cinematografico Iraniano indipendente che nasce in Italia, ed avrà luogo dal 26 al 28 novembre 2019 presso l'auditorium del Politecnico di Milano. L'iniziativa non ha alcuna affiliazione a organizzazioni politiche o religiose, ma ha l'intento di mostrare lungometraggi e cortometraggi realizzati da autori iraniani provenienti da tutto il mondo. _NFF _è anche una piattaforma per i registi iraniani che vivono in diverse parti del mondo, tesa ad esprimere la loro visione e il loro talento attraverso il Cinema. _Nostalgia Film Festival_ è stato istituito anche per sostenere il cinema e la cultura iraniani nella comunità Italo-Iraniana attiva nella regione Lombardia. La selezione dei film è stata determinata dal gusto e dalle tendenze culturali del nostro tempo, prescindendo dal perseguimento di un approccio intellettuale, politico o di altro tipo. Il Festival intende creare ricordi dolci e nostalgici per il pubblico iraniano fuori dai confini nazionali ed altresì presentare al mondo quella cultura che il Cinema sa ben rappresentare. Il _Nostalgia Film Festival, _cui sono partner culturali il CineClub _"Vittorio De Sica"_ - Cinit di Rionero in Vulture (Basilicata) e il _Religion Today Film Festival_ di Trento, si compone di 25 cortometraggi e di nove lungometraggi, con registi che hanno girato non soltanto in Iran. Fondatore del Festival è lo scrittore MOHAMMAD QANEFARD, componente della Associazione produttori documentali dell'Iran, che ha finora realizzato 20 corti presentati in diversi Festival nel mondo, nonché membro della Iranian Youth CinemaSociety. Cofondatore è MOHAMMADREZA NOURI laureato presso la Business School del Politecnico di Milano, nonché direttore e consulente di oltre 50 progetti imprenditoriali in Iran e in altri paesi. I componenti del Comitato Esecutivo sono la regista LIA GIOVANAZZI, fondatrice e direttrice del festival cinematografico internazionale di dialogo interreligioso "_Religion Today_", (1997-2008); ARMANDO LOSTAGLIO, giornalista e critico, fondatore (25 anni fa) del CineClub "_Vittorio De Sica_" vicepresidente nazionale CINIT Cineforum Italiano; ALBERTO BELTRAMI, musicista e presidente del _Religion Today _di Trento. Per le relazioni internazionali figurano: GOLSHAN BARAZESH membro senior dell'UNICEF e vincitore del Miss Top of The World-1 2019; GIULIA BISINELLA, laureata all'American Academy of Dramatic Arts e membro della NY Theater Company 2012-13 Performing Arts presso l'Accademia Europea delle Arti Drammatiche e al 71° Salone Internazionale dell'Arte Cinematografica RAI Cinema Spot; PARINAZ TAGHIBEIK Designer e artista concettuale con laurea presso l'Università Alzahra di Teheran. Fanno parte della organizzazione Holiday CG, Consulenza Investimento DI Nour e PolIran. 

Questi sono i film e gli autori del 

Sum of details // Mohammad Hasani;  4 pillars // Mohsen Najafi Mehri; The spinning top// Shiva Momtahan; Abbas Kiarostami // Midia Kiasat ; Deposit to the Ground// Masoumeh Salehbeigi; Like a Lady // Mahmood Pouyandeh; Gone // Samaneh Fazlollah Asadi; Son of the Sea // Abbas Jalali Yekta; Tanakora // Hamed Parizadeh, Maysam Hasani, Amirreza Rashti; She similar to me // Milad Nasim Sobhan; I am Zal // Hooman Naderi; Are you volleyball? // Mohammad Bakhshi; Birthday Night// Omid Shams; A dance for death// Zanyar Azizi; Time to change// Maryam Rahimi; Towers as tall as heaven// Alireza Javanmard; Slaughter// Ako ZandKarimi and Saman Hosseinpour; Parivash // Ameneh Monshizadeh; Atari // Farhad Fadakar
20-Mr.Deer // Mojtaba Mousavi; Rhino // Armin Pourmohamad; Azadeh // Mirabbas KhosraviNejad; Delay // Ali Asgari; The last Eagle// Reza Golchin; Return// Shahriar Pour Seyyedian.
I lungometraggi sono: Life Again(dobare zendegi)// Reza Fahimi; Do Not Be Embrassed//Reza Maqsudi; Rahman 1400// Manucehr Hadi; Orange Days(Ruzhaye Narenji)// Arash Lahuti; Snake Venom(Zahremar)// Javad Razavian; Finding Farideh// Azadeh Musavi, Kourosh Atayi; Reza// Reza Motamedi; Kingslayer(Shahkosh)// Vahid Amirkhani; Murphy’s Law(Qanune Morfi)// Rambod  Javan.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo