Passa ai contenuti principali

Emozioni di Gianni Donaudi: POESIE N. 6


CHIARO DI LUNA SUL MARE

Il sole si scioglie/ tranquillo/ tra le onde che, / come grandi foglie, /
volteggiano/ lente e gioconde.
Nel cielo dorato/ gli ultimi gabbiani/ terminano/ il loro volo incrociato/
per poi sparire lontani.
Il mare distende/ le sue membra tranquille/ tra scogli e conchiglie/
rotonde, / infrangendosi/ con uno spruzzo di scintille.
La notte dilaga veloce/ e la luna/ forma in essa una piaga/ che sbianca la
duna.
E' il silenzio ovunque/ sulla riva del mare :
s' ode soltanto/ il solito flutto/ che si va a riposare .

Artemisia ( Nadia Sussetto- Pinerolo( Torino ) ) - da " Petali sull' anima-
Nuovi Poeti- Vaprio d' Adda ( MI ) -

ooooooooooooooooooooooooooooooo

LI SARACINI

Li Saracini adorano lu sole/ et li turchi la luna con le stelle/ et io
adoro chesti trezze belle.
Li marenare quanno hanno fortuna/ chiammano per aiuto qualche santo/ ed io
a Te sola invoco nel mio canto.
Tutti li schiavi cercano di fuggire/ et vurriano spezzare li catene/ et io
invece cchiù me schiavo a tene.

Antica Canzone napoletana ( eseguita anche dalla NCCP - Nuova Compagnia di
canto Popolare - diretta da EUGENIO BENNATO -

ooooooooo

MEDITAZIONE DI UNA PEDINA

La scacchiera/ è ampia, / molto e non ne immagino/ neppure i confini/ che
si protendono/ al di là/ del concepibile.
Mani invisibili, / ma presenti sempre, / mi attribuiscono mosse/ che le
altre credono mie,
mosse che io mai/ avrei forse pensato.
E nella schiavitù/ di un gioco oscuro/ medito/ una fuga/ impossibile.

Alessandro D ' Agostini ( Roma )

oooooooooooooooooooooooooooo

AUSENTE

Ocultarse en imàgenes/ Derettor ausencia, / Broche oblicuo de una alma en/
Desasosiego.
Yerma en vientre liso / pechos de azucena, /ausente el alma, bolquea
sentidos,
Mujer; estampa ocre de ocultas soledades/ restana el viento Norte, en
corazon/ que sangra,
Imperturbable momento de quietud/ Soles de cera, plenean en un crepùscolo
oscilante, mas allà.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo