Passa ai contenuti principali

Segnalazioni in Primo Piano: “NEET - le Origini del Male” il secondo episodio della trilogia “Fiabe dal Futuro” del progetto musicale lucano 2eleMenti, premiato all’Amarcort Film Festival di Rimini


Lo scorso maggio vedeva la luce “NEET - le Origini del Male” il secondo episodio della trilogia Fiabe dal Futuro del progetto 2eleMenti. Un vero e proprio corto musicale 100% lucano, nato da un’ idea di Vito Coviello e Vito Santamato con la regia di Alessandro Freschi. Ed è ancora un successo. Dopo il volo diretto per Los Angeles – che ha fruttato al duo il primo premio al Los Angeles Film Festival per il cortometraggio musicale “La Fabbrica del Talento” – il duo di musicisti rientra in patria, in quel di Rimini, dove ha avuto l’opportunità di partecipare all’Amarcort Film Festival, una ‘sette giorni’ patrocinata dalla Fondazione Federico Fellini e dedicata interamente al cinema “breve”, in cui sono stati presentati più di 150 cortometraggi realizzati in tutto il mondo. NEET, l’ultima produzione dei 2eleMenti, si è presentato in punta di piedi, ma senza timore del confronto da cui, si sa, se ne esce sempre arricchiti; alla fine ne è venuto fuori livido ma vittorioso, con l’assegnazione del premio Cantarel e con tanto di critica positiva: «Un vero e proprio cortometraggio visionario e coraggioso, capace di stupire attraverso l’uso non scontato di citazioni e riferimenti alla Lewis Carrol o Tim Burton». Non è certo una novità che i 2eleMenti siano esponenti di un’arte visionaria, ma se a dirlo è Diego Spagnoli – che i più ricorderanno come direttore di palco e presentatore dei concerti del sempreverde Vasco Rossi – e se il premio viene loro assegnato nella città natale del grande Federico Fellini, allora questa volta il traguardo assume un sapore ancor più particolare. A conferma di ciò abbiamo la testimonianza dello stesso Vito Coviello, membro del duo, che afferma come «dietro la parvenza fantastica, visionaria che può facilmente essere paragonata a quella di Burton, sentiamo di avere un forte debito con Fellini». D’altronde sin dai primi frame del cortometraggio s’avverte una forte critica nei confronti della decadenza morale generata non dal benessere economico, come avveniva in Fellini, ma dalla congiuntura economica negativa del nostro presente, che viene qui declinata nella storia di Nico Gidori, neolaureato in cerca di un lavoro che sia alla sua altezza ma che inevitabilmente cadrà nel circolo vizioso di un’esistenza senza scopo. Ancora una volta, quindi, i 2eleMenti stupiscono la scena nazionale con un gioiello audiovisivo di prim’ordine, perfetto connubio fra dimensione musicale e immagini. Un prodotto di «grande efficacia narrativa», immagine al vetriolo di una generazione confusa, disillusa e disumana a cui il mondo anglosassone ha dato un nome ben preciso: NEET, per l’appunto.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo