Passa ai contenuti principali

Emozioni di Gianni Donaudi: RICORDI



Verso la fine degli anni ' 50 ero sui 12 anni e ricordo perfettamente gli allora diciotto/ ventenni di Imperia scimmiottare i "teddy boys" e i giovani  nordamericani in genere.    
Pochi anni prima il film "Gioventù bruciata" interpretato da James  Dean aveva riscosso un poderoso successo.
E fu così che anche da noi arrivarono gli scimmiottatori dei giovani d' oltre- Oceano, che già Alberto Sordi aveva portato sullo schermo con "Un americano a Roma" .
Ma se "Albertone"  era stato considerato "mezzo scemo" da suo padre, definire tali questi giovani indossanti i primi "jeans" , era più difficile, in quanto cominciavano a essere troppi
(ma forse già da allora iniziava un rincretenimento  della massa giovanile che sarebbe arrivato sino a oggi, naturalmente elevato al cubo rispetto ad allora).

Nella zona est di Imperia, il principale punto di ritrovo di questi epigoni di Dean era il Moka Bar, sito sotto i portici di Via Bonfante, dalla parte un tempo denominata " dei poveri" e all' angolo di via Giampietro Vieusseux. Il Moka Bar era gestito allora  dalla famiglia Muraglia e dopo pochi anni (causa prematura morte del proprietario) sarebbe passato alla famiglia Damonte- Stenca .

Da qualche anno erano arrivati i primi "juke box"  e questi ragazzi (definiti " leggere "o" schiene dritte " non solo dai locali benpensanti, ma anche da chi doveva lavorare per mantenere la famiglia o comunque per sopravvivere), se ne stavano per lunghe ore ad ascoltare la musica con in mano la bottiglietta di Coca Cola o il bicchierino di whisky and soda.

I motivi preferiti erano quelli dei "Platters" (sopratutto la celeberrima "Only You") . Ma questi avventori del locale ascoltavano spesso e volentieri anche" Tu vuo fà l'americano " di Renato Carosone, una canzone che in realtà era proprio una satira rivolta a quelli come loro, i quali però non avevano colto il messaggio e l'avevano interpretata quasi come un incitamento, appunto, a continuare a " fare gli americani ".

Tra questi "teddy boys alla farinata "uno in particolare merita un aneddoto . Si trattava di un tale soprannominato " Lancaster" poiché asseriva di rassomigliare al grande divo hollywoodiano, anche se a me, che al cinema andavo di frequente (era il periodo de " La Sfida all' O.K. Corral") , non pareva affatto.

"Lancaster" amava esibirsi di fronte al pubblico e non si sa come, riusciva a mangiare i bicchieri di vetro senza tagliarsi la bocca. Aveva doti da fachiro? Chissà...

Poco tempo dopo un altro giovane, noto in seguito più casalingo come "Modugno" , volle scimmiottare " Lancaster" ma gli andò male . Dovette essere ricoverato al Pronto Soccorso del vecchio ospedale.


Gianni Donaudi




GIANNI DONAUDI è nato a Imperia l' 11/ 12/ 46 - Autodidatta ha collaborato a varie testate di diversa tendenza, tra cui "Il Manifesto" , " Tracce" ,  "La Riviera ", " Nuove Angolazioni" , " Frigidaire" , " Evasion " , " Imperia New Magazine " .
E' autore di racconti e poesie - Di lui sono usciti " Dona Pamela e altri Racconti " ( di ambiente sudamericano) edito per la collana Millelire di Stampa Alternativa e la raccolta poetica " Versi Infami" dell' editore Oceano di Sanremo.
Da tre decenni stampa la fanzine " Emozioni" , dove vengono pubblicate poesie, racconti, articoli vari di argomenti vari .
Gianni è anche un referente locale dell' Arte Postale ( definita nel mondo  " mail art " ) -

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo