Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Tolo Tolo di Checco Zalone


Festeggia il produttore dell’ultimo film interpretato e diretto (per la prima volta) da Checco Zalone “ Tolo Tolo ”. Così Pietro Valsecchi che aveva prodotto anche i film precedenti del comico pugliese: "Checco Zalone ha riunito gli italiani dentro le sale cinematografiche. Un risultato incredibile che mi rende ancora più felice perché premia l' opera prima di Checco come regista. Una scommessa vinta non solo per gli incassi, ma anche per la riuscita del film, che ha saputo divertire ed emozionare grandi e piccoli al di là di ogni divisione ideologica. Il nuovo decennio inizia bene per il cinema italiano grazie a questa iniezione di fiducia e di incassi che ricadono su tutto il sistema cinematografico". Che altro aggiungere? Va benissimo così: incassi stratosferici garantiti con sale piene come si vedono ormai solo ai film di Zalone e pochi altri. E’ bello soprattutto vedere adolescenti entrare al cinema (il film lo abbiamo visto nell’accogliente Cinema Lovaglio di Venosa, la città di Orazio e di Gesualdo). Il film è divertente, va detto, scritto insieme a Paolo Virzì che di cinema ne mastica; le battute alla Zalone non mancano con i paradossi riflessivi che lo rendono unico, alludendo a personaggi ben noti della scena come Celentano, fra voce e movenze. Si avverte un protratto Sordi e si propone anche il mix fra cartoon e realtà. Tuttavia, lui rimane una delle icone del nostro tempo: il suo film resta un efficace e consueto cabaret traslato come i precedenti sul grande schermo. La tematica delle migrazioni con tutto il dolore che porta dietro è letta con leggerezza non incidendo più di tanto sui traumi: un po’ come accadde al Benigni de “ La vita è bella ”. Zalone piace per il suo saper osare, sa cantare ed imitare, sa fare autoironia. In “ Tolo Tolo ” la cosa piacevole è anche il “recupero” di Nicola di Bari (con un piccolo ruolo) e la sua vecchia “Vagabondo” datata anni ‘70, mentre Nichi Vendola? Sarcasmo anche sull’ultimo retaggio di una Sinistra da referenza. I numeri di Zalone dicono che se la gente entra in sala il Cinema può dirsi vivo. Certo, si è un po’ tutti tentati e coinvolti dalla massiccia pubblicità. Per chi ama il Cinema rimane quasi un obbligo doverlo vedere, anche e soprattutto come fenomenologia rispetto al nostro tempo, nel giudizio che si può trarre in merito al rapporto fra qualità dell’opera e incassi. E su questo aspetto la misura appare davvero esagerata. Il Cinema come arte sarà per un'altra volta; dopo poche ore “ Tolo Tolo ” lo si è già quasi dimenticato.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica