Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Piombino in love


IL FOGLIO LETTERARIO 
EDIZIONI IL FOGLIO 
Editori in Piombino dal 1999 
www.ilfoglioletterario.it - www.edizioniilfoglio.com 

 Il Foglio Letterario presenta: Piombino in love - divagazioni d’amore lungo il corso del Cornia - a cura di Gordiano Lupi. Un’antologia narrativa e poetica di ambientazione maremmana a tema amore, che indaga il sentimento in ogni sua angolazione. Un altro tassello letterario prodotto da una squadra di provata esperienza: gli autori del Foglio Letterario, una casa editrice che dal 1999 racconta Piombino, il Val di Cornia e l’Isola d’Elba. La Provincia come terra d'amore, non solo inteso come sentimento romantico ma in tutte le sue forme e declinazioni. Ogni autore ha portato la sua personale esperienza, il suo stile, il suo modo di raccontare l'amore. Tutti i generi letterari sono ben rappresentati: narrativa di formazione, noir, horror, generazionale, fantastico, storico - leggendario, grottesco, giornalistico, cronaca nera. E poi ci sono le poesie, chieste a penne importanti del territorio Maremmano (e non solo), infine le foto liriche (un racconto per immagini) di Riccardo Marchionni. Un libro che è un vero e proprio omaggio alla provincia, una dichiarazione d'amore per una terra che si specchia nel Mar Tirreno e si affaccia sull'Isola d'Elba. Piombino in love contiene un vecchio racconto di Aldo Zelli, il più importante scrittore piombinese del Novecento e alcune liriche di Maribruna Toni, autrice che è un simbolo letterario per la nostra Casa Editrice. Il libro è dedicato a Franco Micheletti, che amava Piombino, scrittore recentemente scomparso. Presentazione: sabato 8 febbraio, ore 16 e 30, a Piombino, presso Sala Unitre. Via Fucini (ex pretura). Conduce Fabio Canessa. 


Racconti: Fedeltà di Aldo Zelli, Sogno di primavera di Gordiano Lupi, Randagi di Roberto Saporito, Una malattia dell’immaginazione di Federico Guerri, Quell’amore chiamato altruismo di Stefano Tamburini, Edoardo e Giovanna di Francesca Lenzi, Fumo di Dianora Tinti, Andrea e Anna di Emilio Guardavilla, Tre bottoni d’oro di Francesca Ghiribelli, I nostri universi di Beatrice Bargiacchi, Al centro del cuore di Anna Maria Scaramuzzino, La consistenza di un ricordo di Federico Regini, Piazza Bovio mon amour di Vincenzo Trama, Quasi una poesia di Francesca Montomoli, I quesiti del Cherubino di Giulia Campinoti, E allora? di Stefano Giannotti, La chimica in amore di Maria Mazzei, L’ultima carezza di Lucilla Lazzarini, Storia di un abbraccio di Andrea Fanetti, Historia Piombinae calamitatum mearum - Un amore impossibile alla Corte del Principato di Piombino - di Patrice Avella. Un racconto lungo: Anna di Umberto Bartoli. Poesie: Tre poesie di Maribruna Toni, La Venere di Piombino di Miria Signori, Due poesie di Lidia Guerrieri, Due poesie di Cinzia Demi, Il filo d’oro di Roberto Mosi, Tu di Laura Lupi, Due poesie di Riccardo Fulcheris. Conclude l’opera il racconto fotografico Emozioni di mare, di Riccardo Marchionni, autore degli scatti che accompagnano i racconti (un contributo è di Usitania Massei). 

 Gordiano Lupi Direttore Editoriale www.infol.it/lupi

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo