Passa ai contenuti principali

L'opinione di Marco Lombardi: Convivere con il demone


Uno psichiatra, per spiegare in parole povere cosa fosse l’anoressia, utilizzò il concetto di identità. Le vittime di questo male, quando si riconoscono tali, non dicono mai “io soffro di anoressia”, come una qualunque altra patologia, bensì “io sono anoressico”. Il rifiuto del cibo è il riflesso di un male più profondo, un demone che non si riuscirà mai a sconfiggere, ma col quale è possibile convivere, limitandone i danni. Prendere coscienza è il primo passo per gestire responsabilmente l'inconscio, ma il substrato emotivo, dove origina il tutto, né la psicoanalisi, né i farmaci, riusciranno a scalfirlo. Ci vuole tanto amore da parte di chi si ha vicino, sapendo che questa è condizione necessaria per sopravvivere al demone, ma purtroppo non sufficiente, se quella molla non scatta, se una passione ancor più forte dell’impulso di annullarsi, di punirsi per il non sentirsi perfetti, non trova infine il sopravvento. Si cammina in equilibrio su un filo sottile, gli sbilanciamenti sono continui e non cadere nel baratro, spesso, è una pura combinazione di eventi. Non ci sono colpevoli, non ci sono colpe. Riconoscersi completi nella nostra fragilità e passeggiare nella bellezza della vita pur sapendo di avere a fianco uno scomodo e invulnerabile compagno.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica