Passa ai contenuti principali

Segnalazioni in Primo Piano: IL FOGLIO LETTERARIO NEWS FEBBRAIO 2020



Partiamo con la presentazione autori, ma prima diciamo due rapide parole su andamento vendite di GENNAIO. Buono con il distributore, perché ci sono titoli esauriti, che andranno riforniti: Black Metal, Bucinella, Corso Due Mari, Spaghetti Western 4. Andamento solito: vende la saggistica ma se la cava bene anche la narrativa degli autori che "fanno cose" (alla Nanni Moretti, "vedo gente, faccio cose"). Tra i titoli più venduti: Leggende elbane di Vanagolli, oltre i soliti saggi su cinema e fumetto. Bene I sassi (Naspini ora è una star), la mia storia del cinema horror (da rifornire), Fassbinder, Toriyama, 24:00 di Guerri (e Bucinella!), In Maremma si dice, Soprassediamo, Dario Argento, E' sempre musica (Branduardi), Mare blu morte bianca, Klaus Kinski, A Livorno si dice, Il tesoro del carmine, Di Leo calibro 9, Spaghetti Western tutti i volumi, Pupi Avati il cinema dalle finestre che ridono, Il nonno è un pirata, La paura cammina sui tacchi alti, Magniverne (molto bene), Corso due Mari. Molto bene PIOMBINO IN LOVE, al mercato mensile e durante la presentazione, ben partecipata. Abbiamo avuto l'onore di avere ospite l'ex sindaco Gianni Anselmi, ora consigliere regionale. Nessuno della nuova amministrazione. Erano tutti alla ruota panoramica, situata in piazza Bovio. Se andate su YOUTUBE (il mio canale), trovate i video della serata.

E ora, cominciamo con la nuova rubrica.


VINCENZO TRAMA si presenta!


Ciao a tutti, sono Vincenzo Trama, autore marchiato a fuoco da 20 anni di collaborazione con il Foglio Letterario di Gordiano Lupi.
Ho iniziato imberbe a scrivere racconti e a fine anni ’90 solo un folle come Lupi poteva accettava di pubblicarne una raccolta: A quella vecchietta del metro se la rivedo le spacco il culo e altri racconti è stato il mio debutto, bagnato da ettolitri di vino consumato in fiere più o meno decenti su e giù per lo stivale. Oltre all’ etilismo ho consolidato l’amicizia con il mio editore, partecipando a diverse antologie di racconti a tema, passando da Pier Vittorio Tondelli al porno, finendo nel febbraio di quest’ anno per scrivere anche suPiombino in love, raccolta di testi a tema amoroso in quel della Val di Cornia.
Sono legato in particolare a due testi: Black metal, il sangue nero di Satana è un saggio sul black metal, che non è un genere musicale ma una vera e proprio filosofia di vita (o di morte, e non solo sonora). Se volete qualche consiglio per iniziare, o per capirne la genesi e i suoi capisaldi,compratelo.
L’altro libro invece è Se fossi postumo sarei (Ba)ricco: lo ritengo importante perché rappresenta il mio primo approccio a una forma romanzo, per quanto breve. Le vicende dell’ io narrante, un baldo trentenne che vorrebbe scrivere, si intrecciano a quelle di Mombu, sedicente esperto dell’ ambiente col vizio della critica a tutti i costi. Leggetelo se siete curiosi di comprendere alcuni intrecci – non sempre trasparenti – del mondo editoriale, pur in chiave ironica e leggera.

Vincenzo Trama




SE VI PIACCIONO I FUMETTI, VI REGALIAMO LO SCRITTORE SFIGATO:

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo