Passa ai contenuti principali

Segnalazioni in primo Piano: PREMIO CINEMATOGRAFICO ANITA EKBERG 2020. TRA I PROTAGONISTI DELLA SERATA, UNA PRODUTTRICE CINEMATOGRAFICA ORIGINARIA DI POTENZA, Raffaella Pace


Si è svolta sabato 22 Febbraio 2020, nella splendida cornice di Palazzo Ferrajoli in Piazza Colonna a Roma, la sesta edizione del prestigioso Premio Anita Ekberg organizzato da Sara Iannone, presidente dell'associazione "L'alba del terzo millennio". La magica atmosfera felliniana, evocata anche dai meravigliosi costumi di scena originali del film "Il Casanova", ha incantato i numerosi artisti e personaggi della nobiltà romana presenti alla premiazione. A prendere parte a questa festa capitolina interamente dedicata al cinema, anche una parte della Campania e della Basilicata, rappresentata da grandi professionisti del territorio e imprenditrici dell'industria cinematografica. Francesco Gagliardi, regista originario di Pertosa (SA), è stato uno degli illustri premiati della serata. Dopo aver diretto il chiacchieratissimo film "Mò Vi Mento - Lira di Achille", si appresta a dirigere un nuovo lungometraggio che questa volta racconterà una parte della nostra Italia non più attraverso l'ironia e la satira, come era avvenuto invece in Mò Vi Mento, ma attraverso gli occhi di una bambina. "Sono molto orgoglioso di questo premio che ricevo nel centenario della nascita di un grande maestro quale Federico Fellini" - afferma il regista Gagliardi - "Ogni film che mi appresto a realizzare parte dal concetto felliniano che l'unico vero realista è il visionario.

Credo che questa sia l'idea vincente alla base di un buon film". Presente alla serata anche il giornalista campano Alfonso Sarno, socio della Auris Film, società di produzione cinematografica romana, all'interno della quale spiccano anche tre giovani produttrici emergenti premiate con il prestigioso Premio Anita Ekberg. Rossella Cardinale ed Erika Cardinale, originarie di Teggiano (SA) e Raffaella Pace originaria di Potenza (PZ), rappresentano quella parte del sud Italia che crede fortemente nel valore della cultura e trasforma una passione in un vero e proprio lavoro. Dallo studio alla pratica, questo è il percorso di Raffaella Pace, prossima alla laurea in giurisprudenza con specializzazione in diritto d'autore, anche lei brillante produttrice emergente. "Sono molto legata al mio territorio e il mio intento è quello di valorizzarlo anche attraverso la formula del cine-turismo" - afferma la produttrice proveniente dal capoluogo lucano. Tra i premiati anche la regista Stefania Capobianco, Valeria Marini, Deborah Eliana Rinaldi, Filippo Ascione, Rino Barillari, Ida Elena De Razza, Luigi Mazzella e Mario Zamma. Presenti anche gli attori Lando Buzzanca e Metis Di Meo, l'imprenditore potentino nonché Amministratore Unico della società di produzione cinematografica Auris Film, Francesco Pace e l'imprenditore Carmine Cardinale.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Servizi Fotografici: Rionero. Inaugurazione Centro Fitness RF TRAINING (2 Ottobre 2021)

 

📷 Servizi Fotografici: Pro-Loco Ruvo del Monte. Presentazione del libro "L'Angolo di Armando" (13 Novembre 2021)

 

📰 Appuntamenti in primo Piano: 4^ Edizione DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore - Città di Eboli. Presentazione del libro “Il Monolite” di Paolo Itri

Eboli . Il 13 novembre, alle ore 18:00, presso Bistrot Patù, ci sarà la presentazione del libro “Il Monolite – Storie di camorra di un giudice Antimafia”, edito dalla casa editrice Piemme, nell'ambito della Rassegna Letteraria DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore. L'autore Poalo Itri, di origine Cilentane, nel suo libro ci racconta, attraverso le sue esperienze lavorative da magistrato, di quanto la Camorra può essere pericolosa. Il Palazzo di Giustizia napoletano è il più grande d'Italia, e probabilmente del mondo. Dopo anni trascorsi tra le sue mura, per il giudice Paolo Itri l'impressione è ancora quella di trovarsi di fronte al «monolite» di 2001. Odissea nello spazio. Un caos labirintico in cui ogni giorno si scrivono nuove pagine della tragedia e della commedia umana, un avamposto da cui Itri, con gli altri magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, ha condotto per lungo tempo la tormentata battaglia dello Stato contro la camorra