Passa ai contenuti principali

Segnalazioni in primo Piano: PREMIO CINEMATOGRAFICO ANITA EKBERG 2020. TRA I PROTAGONISTI DELLA SERATA, UNA PRODUTTRICE CINEMATOGRAFICA ORIGINARIA DI POTENZA, Raffaella Pace


Si è svolta sabato 22 Febbraio 2020, nella splendida cornice di Palazzo Ferrajoli in Piazza Colonna a Roma, la sesta edizione del prestigioso Premio Anita Ekberg organizzato da Sara Iannone, presidente dell'associazione "L'alba del terzo millennio". La magica atmosfera felliniana, evocata anche dai meravigliosi costumi di scena originali del film "Il Casanova", ha incantato i numerosi artisti e personaggi della nobiltà romana presenti alla premiazione. A prendere parte a questa festa capitolina interamente dedicata al cinema, anche una parte della Campania e della Basilicata, rappresentata da grandi professionisti del territorio e imprenditrici dell'industria cinematografica. Francesco Gagliardi, regista originario di Pertosa (SA), è stato uno degli illustri premiati della serata. Dopo aver diretto il chiacchieratissimo film "Mò Vi Mento - Lira di Achille", si appresta a dirigere un nuovo lungometraggio che questa volta racconterà una parte della nostra Italia non più attraverso l'ironia e la satira, come era avvenuto invece in Mò Vi Mento, ma attraverso gli occhi di una bambina. "Sono molto orgoglioso di questo premio che ricevo nel centenario della nascita di un grande maestro quale Federico Fellini" - afferma il regista Gagliardi - "Ogni film che mi appresto a realizzare parte dal concetto felliniano che l'unico vero realista è il visionario.

Credo che questa sia l'idea vincente alla base di un buon film". Presente alla serata anche il giornalista campano Alfonso Sarno, socio della Auris Film, società di produzione cinematografica romana, all'interno della quale spiccano anche tre giovani produttrici emergenti premiate con il prestigioso Premio Anita Ekberg. Rossella Cardinale ed Erika Cardinale, originarie di Teggiano (SA) e Raffaella Pace originaria di Potenza (PZ), rappresentano quella parte del sud Italia che crede fortemente nel valore della cultura e trasforma una passione in un vero e proprio lavoro. Dallo studio alla pratica, questo è il percorso di Raffaella Pace, prossima alla laurea in giurisprudenza con specializzazione in diritto d'autore, anche lei brillante produttrice emergente. "Sono molto legata al mio territorio e il mio intento è quello di valorizzarlo anche attraverso la formula del cine-turismo" - afferma la produttrice proveniente dal capoluogo lucano. Tra i premiati anche la regista Stefania Capobianco, Valeria Marini, Deborah Eliana Rinaldi, Filippo Ascione, Rino Barillari, Ida Elena De Razza, Luigi Mazzella e Mario Zamma. Presenti anche gli attori Lando Buzzanca e Metis Di Meo, l'imprenditore potentino nonché Amministratore Unico della società di produzione cinematografica Auris Film, Francesco Pace e l'imprenditore Carmine Cardinale.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo