Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: La rivista Bianco e Nero dedicata a Mario Monicelli


MARIO  MONICELLI
Bianco e Nero n. 596

Isbn 979 12 80023 049
Pagine: 192 - Formato: 20 x 26
Coedizione: Centro Sperimentale di Cinematografia / Edizioni Sabinae
euro 18,00

La storica rivista Bianco e Nero, diretta da Felice Laudadio e pubblicata dal Centro Sperimentale di Cinematografia con Edizioni Sabinae, dedica il primo numero del 2020, in uscita a metà marzo, al grande maestro del cinema scomparso dieci anni fa con interventi, fra gli altri, di Giampiero Brunetta, Franco Cardini, Amedeo Feniello, Marco Mondini, Enrico Deaglio, Giancarlo De Cataldo, Angelo D’Orsi, Giovanni De Luna, Vittorio Emiliani, Natalia Aspesi, Jean Gili, Paolo Di Paolo, Giulio Ferroni, Alberto Anile, Massimo Ghirlanda, Alberto Crespi, Marco Risi, Giacomo Scarpelli, Giuseppe Tornatore, Enrico Vanzina, Paolo Virzì, Claudio Bigagli, Margherita Buy, Marina Confalone, Giuliana De Sio, Giancarlo Giannini, Laura Morante, Ornella Muti, Maurizio Nichetti, Michele Placido, Gigi Proietti, Milena Vukotic, Mauro Berardi, Vittorio Cecchi Gori, Adriano De Micheli, Marco Cucurnia, Alberto Mangiante, Riccardo Milani, Lorenzo Baraldi e Gianna Gissi, Sergio D’Offizi, Lina Nerli Taviani, Nicola Piovani, Ottavia Monicelli, Chiara Rapaccini, Chiara Ugolini. 

Disponibile in abbonamento annuo e come volume monografico. Dal 20 marzo. In allegato la scheda editoriale. 

Ufficio Stampa Edizioni Sabinae 
www.edizionisabinae.com 
press@edizionisabinae.com 
Tel. 06 97882515

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo