Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: "Il Giardino segreto e La Fortezza dello Spirito" di Cristina di Lagopesole


Il viaggio mistico si addice in questo tempo sospeso, evidenza tangibile di una quiete interiore talvolta invocata ed ora “forzatamente” raggiunta. Ci chiamano così due testi dalla veste grafica che effonde un senso antico di sacralità: si assomigliano per misura e pregio. Accurata e ben definita è, in tal senso, la proposta delle Edizioni Feeria (Comunità di San Leolino, Firenze) che li ha editati dalle mani della innografa e poetessa Cristina di Lagopesole, lucana di origine ma da decenni, grazie ai suoi versi e preghiere ed omelie, cittadina universalmente riconosciuta. “... a otto anni cominciai a formare la mia anima di pellegrina” scrive.
Da un ventennio il suo Eremo: “ai piedi d’un castello avito, sul Monte / tra cielo e terra, e non lontano dal Crocifisso / e della Beata Vergine del Carmelo / v’è un sacro luogo ove la SS. Trinità dimora.” Lì ha scelto come Fortezza dello Spirito (titolo del volume) il luogo dove sacralità e lode quotidiana si vestono di luce: il castello è quello di Federico II (Lagopesole, in Basilicata) e di fronte il monte della Madonna del Carmelo. La chiamata carmelitana è la fonte ispiratrice, e sull’onda lunga incontriamo, in precedenti secoli, altre consacrate dedite alla scrittura e alla riflessione: Santa Teresa d’Avila (scrittrice), Santa Teresa del Bambin Gesù (drammaturga), Suor Juana Ines de la Cruz , (poetessa messicana del XVII secolo dell' ordine di San Gerolamo , sulla sua esperienza terrena un premiato film di Maria Luisa Bemberg “ Yo, la peor de todas ” presentato nel ‘90 a Venezia). Gli inni di Cristina di Lagopesole prendono luce in una quiete interiore, con versi che profumano di preghiere d’infanzia, ritmate di innocenza. “ Ermetica e barocca insieme è la sinestesia ” scrive nella presentazione il ​ prof. Antonio Vincenzo Nazzaro. E sarà la contaminazione dei sensi a rendere fluide e immaginifiche le percezioni mistiche che Cristina lascia trasparire. Preghiera come gioia ma anche sofferenza, come nelle pagine dedicate alla Settimana Santa, che si avvalgono anche dei versi di Requiem in latino del prof. Tuomo Pakkenen (Università di Helsinki) dedicate al Santuario Divin Crocifisso (nell’Eremo lucano). Altrettanto valore ascetico effonde l’altro testo “ Il Giardino segreto ” nel quale Cristina di Lagopesole vorrà distinguersi dal precedente (dell’anno prima, il 2016) per una visione potremmo dire floreale della preghiera. Il testo si avvale ad intervalli cadenzati delle pitture “impalpabili” di Piera Ruffo, mentre l’introduzione è curata da Antonella Lumini, la quale ripassa in chiave contemplativa la Centuria di Cristina, “inscrivibile nella tradizione della poesia mistica cristiana”. La poetessa introduce questi inni alla Natura circostanziando che “Paradiso veniva chiamato l’Orto botanico maggiore. Paradiso è l’Hortus interiore ove sboccia Dio: Giardino segreto dove la grazia trova riposo e l’anima canta”. Lungo la enunciazione di fiori e di piante, è sulla Rosa che la innologa lucana (di Rionero in Vulture) si sofferma più a lungo: “Fiore araldico e mistico della Passione, presente nelle catacombe e nei monumenti cristiani”, scrive. Un bellissimo viaggio si offre a noi, dunque, in questa lettura che profuma di incontaminati giardini, di evasioni dalla terrena inquietudine e momentaneo sgomento. Auspicando (con l’ultimo verso) che “Oltrepassando l’intelletto, un balzo: ed è beatitudine”.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.