Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: Covid e imprese della balneazione: tre considerazioni


E' più che comprensibile la preoccupazione degli operatori balneari. I protocolli di sicurezza che dovranno rispettare sono severi, specialmente riguardo il distanziamento tra nuclei di clienti. Tuttavia simile prudenza deve essere contestualizzata con almeno tre considerazioni. Le prima, di carattere generale, é che poco più di venti giorni fa eravamo in quarantena stretta. Sembra un secolo, ma non lo è. I bassi contagi di oggi sono il frutto degli sforzi di allora e, mai come in questo caso, del doman non c'è certezza. La seconda, legata alla fruizione del servizio offerto. La vita di ombrellone non è come una cena al ristorante o l'acconciatura dal parrucchiere. Il tempo trascorso è assai maggiore, i nuclei per postazione possono essere numerosi e non sono tenuti a restare seduti, figurarsi in presenza di bambini. Valutando il corridoio tra una fila e l'altra, quei dieci metri quadrati che sembrano così immensi non sono che il minimo vitale per dare all'utenza una qualche libertà di movimento. La terza, riguarda la capacità di tenuta del settore. Le imprese balneari italiane sono per lo più realtà a conduzione familiare che per decenni si sono tramandate di padre in figlio la gestione di arenili per i quali hanno pagato canoni risibili all'erario, godendo di un regime fiscale di favore per le attività commerciali annesse. Per non parlare della montagna di tasse non pagate e del fatto di impiegare spesso manodopera stagionale a basso costo, consistente il più delle volte in studenti e secondolavoristi, non di rado impiegati a nero. Insomma, questi operatori, che non sono la totalità ma di certo una fetta consistente, hanno le spalle larghe per reggere un anno di magra. La pazienza che si chiede loro oggi è la sola garanzia per mantenere un piedi un sistema sostenibile con la quasi certezza, salvo disgraziate ricadute sanitarie, di salvare almeno in parte la stagione. Piuttosto che minare i protocolli, chiedano in cambio all'Unione Europea, per il tramite del governo, l'ennesima posticipazione delle temute gare pubbliche per l'assegnazione degli arenili. La causa di forza maggiore li vedrebbe probabili vincitori.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica