Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: La sindrome del grillo parlante



In Italia gli esperti, parafrasando il noto detto, sono come il pesce, dopo tre giorni puzzano. In questa crisi pandemica di giorni ne sono durati quasi un centinaio, per cui possono ritenersi fortunati. Virologi ed epidemiologi se ne facciano pertanto una ragione, sta passando il loro tempo e con esso le ospitate in televisione, le prime pagine sui giornali, i flash di educati e distanziati fotografi; così, dalla ribalta dei salotti, torneranno presto alla noia dei laboratori di analisi. Da tutte le parti si chiede alla politica di fare un passo in avanti, ascoltare sì la scienza, ma prendere decisioni autonome da essa, che tutelino innanzitutto gli interessi economici delle miriadi di categorie comprensibilmente in ansia per il loro futuro. Si fa largo la pratica espressione “meglio morire di Covid che morire di fame”, rafforzata da assunti del tipo “il virus si è indebolito”, “la popolazione ha in larga parte fatto gli anticorpi”, “col caldo l’epidemia si arresta”, messe in circolo chissà come e senza alcuna paternità scientifica. Ma quando i nuovi eroi sono degnissimi parrucchieri, estetisti, balneari, ambulanti e ristoratori, è giusto che medici e infermieri facciano un passo indietro e sarà bene che di foto che li vedono stremati sul luogo di lavoro ne circolino sempre meno, per non rischiare di essere pure additati come fannulloni. Così va il mondo ed è inutile stupirsi che neppure dieci giorni fa stavamo tappati nelle mura domestiche a far da vedetta contro gli untori che violavano la quarantena, mentre ora la mascherina già ci fa uggia, tanto poi “non serve a nulla”. E’ tutto comprensibile, ma la facilità con cui la guida illuminata sta divenendo fastidioso grillo parlante è stupefacente, così che non c’è da meravigliarsi se, in situazioni di normalità, i nostri decisori pubblici credano più alle sirenette che agli scienziati: quelle d’altronde, dai tempi di Andersen non sono mai andate fuori moda.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo