Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Sorry we missed you diretto da KEN LOACH


E’ nella scena finale e nei titoli di coda l’essenza di quest’ultimo gioiello che l’83enne Ken Loach ci invia, un sasso dalle memorie del sottosuolo (quello britannico ma non soltanto): il protagonista Ricky (Kris Hitchen) guida il suo furgoncino delle consegne a domicilio, è tutto tumefatto per le botte ricevute da un gruppo di scellerati, ma, contro la volontà della sua famiglia, deve andare al lavoro. Ed ancora, nelle gratitudini sui titoli di coda: “Si ringraziano i trasportatori che ci hanno fornito informazioni sul loro lavoro ma non hanno voluto che i loro nomi comparissero". E’ qui racchiuso il suo Cinema di Resistenza, la militanza civile sull’attuale situazione del lavoro che deprime l’umanità di persone comuni, che pur si sforzano di reggere il passo con i tempi, di educare i figli con dignità. L’ultimo film di Ken Loach Sorry we missed you è di una potenza minimale non comune nel suo equilibrio di raccontare la quotidianità quasi come un film muto: sceneggiatura perfetta, regia impeccabile ed essenziale, interpreti con monologhi da incorniciare, persino quelli del poliziotto e del capo azienda. Già dal titolo Sorry we missed you , ( Scusa, ci sei mancato, è la frase del cartoncino lasciato dal corriere in assenza del cliente) Loach entra educatamente nell’interiorità dello spettatore per renderlo parte inserita di una famiglia normalissima, alle prese con la deregulation nell’epoca malata di neoliberismo. Padre e madre, sui quarant’anni: Ricky ed Abbie vivono a Newcastle (ancora la città del nord dove ha ambientato il suo premiatissimo Io, Daniel BlaKe ); coppia felicemente sposata, solida nei propri principi ed alquanto legata ai due figli, il sedicenne Sebastian e l'undicenne Liza. A causa della crisi, Ricky aveva perso il lavoro abbandonando il sogno di acquistare una propria abitazione. Per riproporsi dunque, chiede ad Abbie (la mirabile Debbie Honeywood) di vendere la sua auto per acquistare un furgone con cui poter avviare l'attività di corriere (autonomo?) per conto di una ditta di consegne. Come accadde in Ladri di biciclette (il capolavoro di De Sica e Zavattini del 1948) ​ dove Antonio può comprare la sua bicicletta con la vendita delle lenzuola di sua moglie Maria... Abbie fa la badante a ore, correndo con i mezzi pubblici nei diversi punti della città, non meno di 15 ore di lavoro per entrambi. Tempo che viene sottratto ai bisogni familiari: al figlio Seb ( Rhys Stone ) che ama fare graffiti e che a scuola non rende come dovrebbe; e alla undicenne Liza ( Katie Proctor ) la quale cerca di reggere l’assenza dei genitori con una energia fin troppo matura. Sono persone comuni, dicevamo, quelle della porta accanto, che obbediscono a doveri morali, sebbene la struttura sociale li ignori o li penalizzi. Ken Loach guarda con dolcezza e irritazione questa realtà, cerca di conferire rispetto agli ultimi: per lui “il Cinema non potrà cambiare il mondo ma almeno potrà ridare ai protagonisti dei suoi film quella dignità che la vita ha tolto”. Li chiama per nome (nei precedenti titoli): Daniel, Joe Kavanagh di My name is Joe , Bob e Tommy di Piovono pietre , Eric, i Navigators Paul Mick e John. Loach li ama tutti questi personaggi, semplici ed onesti. Lavoratori che non ce la fanno, gente comune, quel popolo insomma inseguito anche fuori dai confini britannici, come ne La canzone di Carla . Politica e solidarietà. La stessa solidarietà nel dolore (cara a Leopardi) che unisce gli uomini contro la natura nemica, e che Loach mutua contro un sistema economico e politico che trascura ed umilia. Se in alcuni precedenti film Loach intravvede barlumi di speranza - magari nel mutuo soccorso - in questo suo ultimo capolavoro ci abbandona nel suo finale asciutto, nel quale ciascuno potrà trarne le conseguenze. Oppure non c’è finale, ci sarà soltanto ripetitività dei gesti quotidiani da parte di questi invisibili; gli stessi che talvolta ci annoiano a telefono (dai call-center) o che sfrecciano per strada coi loro furgoni colorati o in bicicletta per consegnarci in fretta qualcosa. Ipersfruttati (“ lavori con noi non per noi” , questa è la trappola) che obbediscono ad algoritmi dentro piccoli scanner di plastica. O sono badanti che si affezionano ad anziani ed ammalati che assistono: tenerezza assoluta nelle scene di Ken Loach (memorabile lo sfogo finale di Abbie in ospedale) che scrive con Paul Laverty una sceneggiatura pressoché perfetta, in un clima di ansia per la sorte di questa dignitosa famiglia massacrata dall’Economia globale, che non risente di nessuna umanità. In una Inghilterra che si inginocchia davanti a Parassiti secolari ​

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo