Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio. Le donne dell’est fra noi



Alle 18 si ritrovano quasi tutte sulle panchine della villa comunale, il turno di lavoro di badanti e cameriere è finito oppure concede delle pause, l’ora d’aria per incontrarsi e discutere nella loro lingua: della giornata, delle prospettive, dei figli e i nipoti lontani, in quella parte dell’universo che per noi è sempre stato l’Est. La villa si balcanizza, si slavizza in lingue più variopinte e recondite: russe, ucraine, polacche, rumene, albanesi, fra loro si comprendono. Ludmilla, Irina, Liliya e tanti altri nomi come usciti da una canzone di Paolo Conte. Sono quarantenni o poco più, molte di esse già nonne, benché madri intorno ai vent’anni. “ Occhi chiari, laghi gemelli...capelli di sabbia raccolti nei foulard... ” Quelle ragazze dell’est che decantava nel 1981 Claudio Baglioni (in quell’album straordinario) ben prima che quel Muro cadesse a Berlino, e le portasse in eserciti indistinti da queste parti, in quell’occidente che la televisione faceva intravvedere loro come l’eldorado. E dopo quella “storica Caduta” a gruppi di giovani si sono riversati da quelle parti, in cerca di facili approcci (basta un paio di calze, si diceva, e te le fai). O forse semplicemente per quel desiderio di voler ancora sedurre, sentire rifluire il maschio latino pronto ad affascinare altre ragazze in quelle terre di conquista fin dai tempi dei Romani. Mitologie che sembrano di un secolo fa. E invece solo di qualche decennio. Come in un interscambio di vasi comunicanti si ritrovano nei viali con un anziano sottobraccio, qualcuna ha persino trovato marito; altre sono considerate sfasciafamiglie, oppure traviano anziani facendosi sposare e magari prendere quel che hanno, alcune si sono trovate a battere, o a inseguire amori fantasmi come in un film dei Dardenne. Altre sono persone per bene, qualche agenzia le arruola come dame di compagnia ma dopo un po’ vanno via perché non si aspettano di fare pulizie intime alle anziane signore. Molte di esse hanno una laurea, che qui non è riconosciuta o forse non sperano neppure di metterla a frutto. ​ Che bei versi cantava loro Baglioni nel 1981; e ancor prima Lucio Battisti - su testo di Mogol – le ha venerate come angeli bianchi nella nebbia. La luce dell’est in quel “seno bianco e morbido fra noi...” Quel Muro di Berlino non era ancora caduto, ma in piedi restavano speranze, per quella Primavera (di Praga) che non venne mai.

“... e un dolore nuovo e lontano tenuto per la mano / io le ho viste che cantavano nei giorni brevi di un'idea / e gomiti e amicizie intrecciati per una strada / io le ho viste stringere le lacrime di una primavera / che non venne mai volo di cicogne con ali di cera...” Ora sono qui, vaghe stelle che illuminano i viali senza erba; si mescolano ai passanti, ma si conoscono fra loro, discutono di tutto o forse di niente. Un tempo erano lì: “fra cemento e cupole d'oro che il vento spazza via sotto pensiline che aspettano sole il loro tram / coprirsi bene il cuore in mezzo a sandali e vecchie camicie fantasia / e a qualcuno solo e ubriaco che vomita sul mondo / io le ho viste portare fiori e poi fuggire via / e provare a dire qualcosa in un italiano strano...” Baglioni come pochi altri le ha inondate di poetica. E figurare persino dei mariti spesso alcolizzati che non sapevano cogliere in loro la prorompente femminilità, che ora, da queste parti, alcune sanno ben ostentare. ...sulle labbra vaghi sorrisi di attesa e chissà che / scrivere sui vetri ghiacciati le loro fantasie / povere belle donne innamorate d'amore e della vita / le ragazze dell'est.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo