Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio. Le donne dell’est fra noi



Alle 18 si ritrovano quasi tutte sulle panchine della villa comunale, il turno di lavoro di badanti e cameriere è finito oppure concede delle pause, l’ora d’aria per incontrarsi e discutere nella loro lingua: della giornata, delle prospettive, dei figli e i nipoti lontani, in quella parte dell’universo che per noi è sempre stato l’Est. La villa si balcanizza, si slavizza in lingue più variopinte e recondite: russe, ucraine, polacche, rumene, albanesi, fra loro si comprendono. Ludmilla, Irina, Liliya e tanti altri nomi come usciti da una canzone di Paolo Conte. Sono quarantenni o poco più, molte di esse già nonne, benché madri intorno ai vent’anni. “ Occhi chiari, laghi gemelli...capelli di sabbia raccolti nei foulard... ” Quelle ragazze dell’est che decantava nel 1981 Claudio Baglioni (in quell’album straordinario) ben prima che quel Muro cadesse a Berlino, e le portasse in eserciti indistinti da queste parti, in quell’occidente che la televisione faceva intravvedere loro come l’eldorado. E dopo quella “storica Caduta” a gruppi di giovani si sono riversati da quelle parti, in cerca di facili approcci (basta un paio di calze, si diceva, e te le fai). O forse semplicemente per quel desiderio di voler ancora sedurre, sentire rifluire il maschio latino pronto ad affascinare altre ragazze in quelle terre di conquista fin dai tempi dei Romani. Mitologie che sembrano di un secolo fa. E invece solo di qualche decennio. Come in un interscambio di vasi comunicanti si ritrovano nei viali con un anziano sottobraccio, qualcuna ha persino trovato marito; altre sono considerate sfasciafamiglie, oppure traviano anziani facendosi sposare e magari prendere quel che hanno, alcune si sono trovate a battere, o a inseguire amori fantasmi come in un film dei Dardenne. Altre sono persone per bene, qualche agenzia le arruola come dame di compagnia ma dopo un po’ vanno via perché non si aspettano di fare pulizie intime alle anziane signore. Molte di esse hanno una laurea, che qui non è riconosciuta o forse non sperano neppure di metterla a frutto. ​ Che bei versi cantava loro Baglioni nel 1981; e ancor prima Lucio Battisti - su testo di Mogol – le ha venerate come angeli bianchi nella nebbia. La luce dell’est in quel “seno bianco e morbido fra noi...” Quel Muro di Berlino non era ancora caduto, ma in piedi restavano speranze, per quella Primavera (di Praga) che non venne mai.

“... e un dolore nuovo e lontano tenuto per la mano / io le ho viste che cantavano nei giorni brevi di un'idea / e gomiti e amicizie intrecciati per una strada / io le ho viste stringere le lacrime di una primavera / che non venne mai volo di cicogne con ali di cera...” Ora sono qui, vaghe stelle che illuminano i viali senza erba; si mescolano ai passanti, ma si conoscono fra loro, discutono di tutto o forse di niente. Un tempo erano lì: “fra cemento e cupole d'oro che il vento spazza via sotto pensiline che aspettano sole il loro tram / coprirsi bene il cuore in mezzo a sandali e vecchie camicie fantasia / e a qualcuno solo e ubriaco che vomita sul mondo / io le ho viste portare fiori e poi fuggire via / e provare a dire qualcosa in un italiano strano...” Baglioni come pochi altri le ha inondate di poetica. E figurare persino dei mariti spesso alcolizzati che non sapevano cogliere in loro la prorompente femminilità, che ora, da queste parti, alcune sanno ben ostentare. ...sulle labbra vaghi sorrisi di attesa e chissà che / scrivere sui vetri ghiacciati le loro fantasie / povere belle donne innamorate d'amore e della vita / le ragazze dell'est.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Servizi Fotografici: Pro-Loco Ruvo del Monte. Presentazione del libro "L'Angolo di Armando" (13 Novembre 2021)

 

📰 Appuntamenti in primo Piano: 4^ Edizione DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore - Città di Eboli. Presentazione del libro “Il Monolite” di Paolo Itri

Eboli . Il 13 novembre, alle ore 18:00, presso Bistrot Patù, ci sarà la presentazione del libro “Il Monolite – Storie di camorra di un giudice Antimafia”, edito dalla casa editrice Piemme, nell'ambito della Rassegna Letteraria DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore. L'autore Poalo Itri, di origine Cilentane, nel suo libro ci racconta, attraverso le sue esperienze lavorative da magistrato, di quanto la Camorra può essere pericolosa. Il Palazzo di Giustizia napoletano è il più grande d'Italia, e probabilmente del mondo. Dopo anni trascorsi tra le sue mura, per il giudice Paolo Itri l'impressione è ancora quella di trovarsi di fronte al «monolite» di 2001. Odissea nello spazio. Un caos labirintico in cui ogni giorno si scrivono nuove pagine della tragedia e della commedia umana, un avamposto da cui Itri, con gli altri magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, ha condotto per lungo tempo la tormentata battaglia dello Stato contro la camorra

📰 Appuntamenti in primo Piano: LA CANTATA DEL CAFFÈ (KAFFEEKANTATE) DI J.S. BACH CONCERTO ACCADEMIA DUCALE CENTRO STUDI MUSICALI

Domenica il 21 novembre alle ore 16.00 a Pietragalla, presso il Salone del Palazzo Ducale, l’Accademia Ducale centro studi musicali propone al pubblico quella che viene definita una delle testimonianze più vivaci della vocalità profana di J.S. Bach, animata da una vena comica e da una grande capacità di penetrazione psicologica: La cantata del caffè (Kaffeekantate). È la divertente storia di un padre brontolone e conservatore, Schlendrian, interpretata da Carmine Giordano (basso) e della sua figlia ribelle Liesgen, interpretata dal soprano Filomena Solimando, a cui vorrebbe impedire di bere il caffè, la “diabolica bevanda”. Al tenore, Yoosang Yoon, spetta il compito di introdurre la scena e fare da narratore. Nella versione proposta dall’Accademia Ducale ai cantanti, che si esprimono in lingua tedesca, sono affiancati degli attori che interpreteranno a loro volta i personaggi, per rendere ancor più fruibile e divertente la cantata: Nicole Millo (Liesgen), Antonio Rom