Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: SfruttaZero 2020 - 7° anno, inizia la raccolta dei pomodori


In fondo, mai come quest'anno, abbiamo toccato con mano l'importanza di mettere in discussione il sistema attuale, partendo dalla riappropriazione della produzione del cibo, intesa come cura dei propri territori, della terra tutta e degli essere viventi che la popolano, di un lavoro che mette al centro le persone, i loro bisogni e diritti.

Il manifestarsi di una pandemia globale e dell'emergenza sanitaria che n'è scaturita ha reso evidente, finalmente, lo stretto legame esistente tra il modello di produzione e la salute ambientale e umana.
Ha reso evidente quanto sia necessario tornare a un'economia di prossimità e a un'agricoltura contadina capace di convivere in armonia con la natura, e soprattutto quanto sia fondamentale costruire filiere e sistemi alimentari non dipendenti dalle catene di approvvigionamento e distribuzione globali che si reggono sul profitto e che sono altamente inquinanti e vulnerabili alla speculazione.

Queste le ragioni profonde che sorreggono il lavoro di SolidariaDiritti a Sud a Nardò e della filiera SfruttaZero. Queste le ragioni per cui nemmeno durante la quarantena ci siamo fermat*, ma anzi abbiamo continuato a lavorare in campagna, ad organizzare collettivamente e in maniera autogestita, anche a distanza, con Ortocircuito Bari e alcuni abitanti di VillaRoth casa autogestita, la settima stagione di SfruttaZero.

Quest'anno abbiamo piantumato 7000 piantine di pomodoro della tipologia San Marzano e Prunetto e la loro coltivazione sta proseguendo con trattamenti agreocologici e biologici.
Abbiamo consolidato l'impianto di irrigazione, il quale lo scorso anno ha destato non poche preoccupazioni e reso difficoltoso in alcune fasi l'approvvigionamento di acqua per le piante.
Sono stati stipulati sei contratti agricoli, di cui alcuni necessari per il rinnovo del permesso di soggiorno, e uno amministrativo.

Come ogni anno, siamo qui a chiedervi di essere parte della comuinità Fuorimercato, di essere parte attiva della filiera, sostenendo SfruttaZero con la campagna di pre-acquisto.

Perché il pre-acquisto di SfruttaZero non si avvale, come è ormai consuetudine nel mercato agroalimentare, dello strumento dello sconto. 
Lo sconto, assieme al prezzo ribassato o al sottocosto, è una strategia di marketing della Grande Distribuzione Organizzata. Le offerte hanno certamente un prezzo vantaggioso per chi acquista, ma a quale costo? Chi paga effettivamente quel prezzo?
Il prezzo viene inevitabilmente pagato dai soggetti che, all'interno del circuito della gdo, hanno meno potere contrattuale, avvantaggiando la stessa gdo che detta i prezzi al ribasso.
Il sistema delle offerte schiaccia le piccole attività economiche con canali alternativi di distribuzione, e soprattutto svaluta completamente il valore del cibo e del lavoro che vi è dietro la sua produzione.

Cosa significa il pre-acquisto per Solidaria. 
Il pre-acquisto è un modo per creare una relazione di fiducia reciproca, all'interno della quale si riconosce l'importanza e la responsabilizzazione di tutti i soggetti che partecipano alla filiera.
Chi sceglie di pre-acquistare diventa a tutti gli effetti un* finanziatrice/tore, con la consapevolezza di supportare i costi che affrontiamo lungo le prime fasi, agricola e trasformativa, e di consentire a noi di non ricorrere a prestiti bancari.

Non vogliamo essere un mercato alternativo, ma un'alternativa al mercato. Questo è quello che da sempre proviamo a realizzare assieme a tutti i soggetti di Fuorimercato rete nazionale.

Essere un'alternativa al mercato significa anche avere cura per il progetto e per tutti i soggetti che vi partecipano, avere un'attenzione che non concerne le sole condizioni lavorative. Queste, infatti, devono essere la base per avere una vita dignitosa anche al di fuori del progetto e devono essere rispettose dei tempi di vita e delle necessità di tutt*.

Sostieni SfruttaZero.
Costruiamo assieme economie solidali e fuorimercato.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo