Passa ai contenuti principali

IN PRIMO PIANO con Nunzia Ieva


IN PRIMO PIANO 13. Puntata.

NUNZIA IEVA, detta Titti, è una ragazza pugliese di Andria di 24 anni, affetta da una rara forma di leucodistrofia (a cui consegue un progressivo deficit motorio), da quando aveva 5 anni e mezzo. Ha studiato danza classica con passione. Nell’ottobre del 2001 è stata indirizzata all’istituto neurologico Besta di Milano, dove le è stata diagnosticata questa rara patologia genetica (6 mesi di sopravvivenza stimata) e da lì inviata al Centro di ematologia pediatrica di Monza, dove è stata sottoposta a trapianto di cellule staminali a marzo del 2002. Ora la malattia non è debellata, ma è sotto controllo costante. Tornati a casa il maestro Gianpaolo Brescia si è reso disponibile a seguirla, insegnandole i balli da sala. E così, la grande passione di Nunzia l’ha portata a tentare l’audizione per il programma televisivo “Ballando con le stelle” condotto da Milly Carlucci. Non è stata ammessa, ma grazie alla sua tenacia ha voluto riprovare e finalmente accedere a 'Ballando on the road' con un'esibizione in coppia con Gianpaolo. Voleva tornare a ballare, anche su una sedia a rotelle. Un sogno che si è avverato, con il suo video mentre volteggia elegante su un pezzo di bachata ha emozionato e conquistato il pubblico della rete che l’ha premiata con oltre 8 mila like sulla pagina Facebook della trasmissione. L'anno prima si è esibita in Spagna a Siviglia sul prestigioso palco del 'Bachetero' nel contest 'D&D Be Unlike' confrontandosi con i migliori ballerini da ogni parte del mondo. Al suo fianco nella vita, il compagno affettuoso che ogni donna vorrebbe avere, premuroso e pieno di amore e sentimento, Aldo Mari, suo primo grande sostenitore alla pari della calorosa famiglia. Una storia toccante ed esemplare, nonostante un destino beffardo, dove emerge una straordinaria forza di volontà, carattere, positività, determinazione, con Titti protagonista oltre le avversità, ostinata e caparbia. Una donna che ama la vita e una combattiva che non si è mai arresa. Onore e complimenti!

#Ballo #Spettacolo #Approfondimento

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica