Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: TORNA A MELFI LA COPPA D’AUTUNNO


Domenica 13 la XVI edizione con auto storiche e sportive moderne Dopo i 70 anni ufficiali di vita festeggiati lo scorso anno (1949 – 2019) la Coppa d’Autunno a Melfi mitica, unica, storica gara di regolarità per auto datate ideata dall’Ingegnere Michele Pastore non si ferma e si svolgerà domenica 13 settembre grazie all’impegno ed alla dedizione del Team Coppa d’Autunno e del Club Amici Auto e Moto d’Epoca della città federiciana. Dopo averla ripresa anni addietro, e la stessa a riscuotere sempre maggiore interesse e partecipanti negli ultimi anni, il nutrito gruppo di appassionati di auto storiche di Melfi non ha voluto interrompere qualcosa che appartiene alla città e mette in primo piano le auto storiche e la regolarità nel rispetto dei tempi, non la corsa, nel percorrere i tratti indicati, concretizzando al meglio il binomio forte tra sport e promozione del territorio. “E’ vero che c’è il covid e tutta una serie di norme e protocolli che si devono rispettare per evitare assembramento e svolgere il tutto nel rispetto di norme sanitarie e distanziamento – han fatto sapere gli organizzatori – ma proprio per quel che di triste, difficile abbiamo vissuto, abbiamo fatto di tutto perché la manifestazione si svolgesse, per ripartire con una bella giornata di sport e di festa da vivere insieme. Sarà il 13, con partenza da Melfi alle 10 e approfittiamo per ringraziare l’impegno di tutte le Autorità preposte alla tutela di sicurezza ed osservanza delle norme anticovid, concedendo l’ok alla manifestazione in totale sicurezza”. La rievocazione storica di autoregolarità, targa Ing. Michele Pastore, raduno di precisione per auto storiche quindi sarà svolta regolarmente e l’edizione di quest’anno verrà ricordata per l’apertura alla partecipazione di auto sportive moderne per un mix davvero unico, speciale tra “vecchie signore della strada”, sempre ammirate da tutti e “rombanti sportive di classe”, sogno con un pizzico d’invidia per molti. Partenza da Melfi, transito stabilimento FCA di San Nicola, Lavello, Venosa, Rionero, Barile, Rapolla e ritorno a Melfi per la premiazione ed il pranzo dei partecipanti, già compreso per 2 con caffè di benvenuto nella quota di iscrizione di soli 50 euro che favorirà la presenza di molti equipaggi, in arrivo da altri club, tra cui quelli delle Mitiche di Lavello, della Scuderia Lupi della Lucania, del club organizzatore e alcuni delle regioni vicine. Patrocinio del Comune di Melf e fattivo supporto di Aci Potenza e Aci Storico, completano l’evento Coppa d’Autunno 2020, raduno di precisione che si preannuncia validissimo sotto ogni punto di vista, considerando il valore dell’evento, il percorso bellissimo nella natura del Vulture Melfese, i 6 tratti cronometrati a Melfi, 3 in partenza e 3 all’arrivo, le foto da scattare in punti precisi del percorso, il non conoscere il posto in cui ci sarà “il controllo media imposta”, importante per la classifica finale. Intanto si effettuano le iscrizioni, presso Ottima Mola (Eugenio Miccoli) in Via Ronca Battista e l’Hotel Due Pini (Felice Mallano) in Piazzale Stazione, ricordando che necessita la tessera Aci valida per prender parte all’evento del 13 settembre. E se l’auto resta un must per noi italiani, poter vedere insieme sia vecchie glorie che sportive moderne, renderà davvero ancora più speciale la Coppa d’Autunno di quest’anno!



 

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo