Passa ai contenuti principali

Sport. Campionato Europeo under 18 maschile: Italia - Turchia 3-2 (Interviste)

 
All’esordio nel Campionato Europeo under 18 maschile gli azzurrini di Vincenzo Fanizza hanno battuto con una grande rimonta la Turchia 3-2 (28-30, 16-25, 25-14, 25-16, 15-7). I primi due set hanno sorriso agli avversari, ma dal terzo in poi la formazione tricolore ha cambiato marcia, sia a livello tecnico, sia dal punto di vista dell’atteggiamento e i turchi sono stati costretti ad arrendersi al termine di un tie-break dominato dai ragazzi di Fanizza. L’Italia si è schierata in campo con Boninfante in palleggio, opposto Quagliozzi, schiacciatori Porro e Orioli, centrali Volpe e Rossi, libero Laurenzano. Nel primo set la Turchia è partita meglio e ha difeso forte, mentre l'Italia è rimasta frenata dai tanti errori in battuta (5-7). I turchi hanno provato ad allungare ulteriormente, ma gli azzurrini sono sempre rimasti a contatto, per poi trovare la parità sul (18-18). Il finale ha visto i ragazzi di Fanizza annullare 5 palle-set (bene Porro), ma i continui errori al servizio sono costati la frazione (28-30). Nel secondo parziale, nell’Italia dentro Zoratti e Balestra, è stata ancora la Turchia a prendere il comando, mettendo in difficoltà la formazione azzurra (3-5). L’Italia ha faticato a trovare ritmo in attacco e così Fanizza si è giocato la carta del doppio cambio Bonacchi-Truocchio per Boninfante-Quagliozzi (3-8). La reazione della formazione tricolore ha dato l’impressione di riaprire il set (10-12), sensazione smentita dal nuovo allungo dei turchi che si sono imposti di forza (16-25). Il copio ne è cambiato nel terzo parziale, gli azzurrini sono entrati in campo determinati e si sono portati avanti (10-6). Con il passare del gioco i ragazzi di Fanizza hanno aumentato sempre di più il ritmo (Zoratti in evidenza) e gli avversari non sono mai stati in grado di replicare (25-14). Il monologo azzurro è proseguito nel quarto set, Zoratti e compagni hanno spinto subito sull’acceleratore e gli ospiti sono scivolati indietro (10-4). I ragazzi di Fanizza hanno gestito con sicurezza il margine e il parziale si è chiuso con un netto (25-16). Nel tie-break a fare la differenza è stato il muro azzurro (7-4), i turchi non sono più riusciti a passare e l’Italia ha completato una grande rimonta (15-7). Nel primo mach della pool di Marsicovetere la Bulgaria ha battuto agilmente 3-0 (25-17, 25-21, 25-23) il Belgio. Presenti sugli spalti il vice presidente Giuseppe Manfredi e il direttore tecnico del settore giovanile maschile Julio Velasco. Nel girone di Lecce la giornata inaugurale ha registrato le vittorie della Germania sulla Bielorussia 3-2 (22-25, 25-20, 25-23, 22-25, 15-10) e quella molto netta della Polonia sulla Rep. Ceca 3-0 (25-21, 25-22, 25-11) Domani è in programma un giorno di riposo della competizione, gli azzurrini torneranno in campo lunedì 7 settembre per affrontare il Belgio (ore 20). 
 
Interviste:
 

 le parole del tecnico Fanizza dopo la vittoria contro la Turchia

 

le dichiarazioni di Boninfante al termine di Italia-Turchia 3-2

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo