Passa ai contenuti principali

IN PRIMO PIANO con Mauro Tummolo

 
IN PRIMO PIANO 17. 
 
Puntata. MAURO TUMMOLO è un artista che colpisce per il suo carattere forte e deciso. I valori sono alla base della sua musica ed il suo impegno costante lo spinge a fare sempre meglio. E’ nato a Zurigo, da padre lucano e madre pugliese e conserva tutti gli aspetti del suo segno zodiacale, il Cancro. Vive a Lavello (PZ), nella sua Lucania. Il suo incontro con la musica avviene all’età di otto anni, quando inizia a suonare la tromba ed il flicorno nella Banda Municipale del suo paese. Durante il periodo militare, diventa trombettista ufficiale del suo Corpo D’Armata e suona in importanti manifestazioni, anche alla presenza di personalità come il Presidente Francesco Cossiga ed il Papa Karol Wojtyla. In questo periodo esplode in lui la passione per il canto ed inizia a prendere lezioni di tecnica ed interpretazione. Visti gli ottimi risultati si iscrive all’Accademia Saint Louis di Roma ed inizia un percorso denso di esperienze canore e partecipazioni a concorsi musicali. Frequenta stage di perfezionamento ed incontra molti professionisti del settore (fra gli altri, il maestro Beppe Vessicchio, Mariella Nava, Gatto Panceri, Luca Pitteri, Iskra Menarini, Gabriella Scalise). Partecipa al Festival di Napoli, al Bengio Festival con Dario Salvatori, al Festival degli Sconosciuti, all’Accademia di Sanremo, al Festival Show, al contest canoro di Casa Sanremo, ecc. Vanta la partecipazione a tre Musical, in collaborazione con Mario Rosini. Prende parte a trasmissioni radiofoniche e televisive a livello nazionale: Radio Kiss Kiss, Canale 5 con “Cultura Moderna” e Rai 1, dove è vincitore di “Stasera è la tua sera”. Recita in una piccola parte del film Tv “Il Generale dei Briganti” (Rai). Duetta con Stefano Centomo al Teatro Rendano di Cosenza, riscuotendo consensi ed apprezzamenti. Grazie a questi risultati decide di realizzare, col produttore Antonio Deodati (Corona, Marie Claire D’Ubaldo, Laura Valente, Federico Poggipollini, Mango, Unaderosa), il suo album di esordio intitolato “Chi la dura la vince”, frase che Mauro rende indelebile, imprimendosela sulla pelle con un tatuaggio. Prosegue la sua attività con i live e si lega contrattualmente a Marco Sfratato (primo scopritore dei Modà). Da oltre 10 anni collabora con la prof.ssa Francesca Sisto, Vocal Coach dell’Accademia dei due Mari di Taranto. Nel 2015 esce il singolo "Resterò", seguito da “Come te”, realizzato in collaborazione con Guido Palma (Top Records, Milano), con un video che ottiene oltre 50.000 visualizzazioni. Non mancano le grandi soddisfazioni anche dal Mauro Tummolo Fans Club Official, supportato dal contributo della fedelissima Valentina Bombelli. Mauro è anche autore per altri artisti: “T'innamorerai”, interpretata da Lorena, è stata da lui scritta assieme al cantautore Massimo Tornese. L’estate del 2016 è piena di avvenimenti: lo troviamo in diverse piazze con le sue Band “Vittima Modà” e "Ritmonek" (tributi a Modà e Nek). Partecipa ad alcune tappe del Tour di Dodi Battaglia (Pooh). Tiene diversi spettacoli fra Milano, Svizzera e Slovacchia ed infine pubblica il singolo "Differenze", realizzato con la Band che accompagna Benji e Fede in tour. Nel mese di novembre esce l'inedito: “Volevo Solo Dirti”, accompagnato da un video girato dal noto regista del panorama musicale milanese Namas ed ambientato sui Navigli di Milano. A fine anno inizia la collaborazione con l’agenzia Grage Artist Direct Management e presenta, nei suoi live, i brani del suo ultimo album: “Parto Da Qui” (Like Music). Il progetto racchiude le esperienze, gli amori e le emozioni di un cantautore che ha sempre vissuto di pane e musica. Nell'estate 2017 apre alcuni concerti della famosa artista Maria Nazionale e conclude l’anno con un live straordinario in Svizzera, assieme alla sua "Vittima Modà" tribute Band, condividendo il palco anche con i musicisti dei Modà: Stefano Forcella al basso, Claudio Dirani alla batteria e Diego Arrigoni alla chitarra; un grande evento che ha attirato sia la stampa nazionale che internazionale. Non poteva mancare un Capodanno col botto, raccontato in diretta da Rai 1, con Mauro fra gli ospiti in Piazza a Venosa (PZ), in collegamento con Maratea. A gennaio 2018 partecipa con il brano "Volevo Solo Dirti", al Contest "Promuovi la tua Musica". Il piazzamento al 3° posto gli vale l’inserimento nell’omonima compilation (Smilax Publishing). Il 2 febbraio 2018 esce "Fly", il singolo scritto sotto l’accurata visione di Andrea Amati. Questa canzone, molto energica, ci svela una nuova tessitura vocale dell'artista. "Fly" parla di quegli incontri rari grazie ai quali veniamo salvati da illusioni e mediocrità, molto comuni ai nostri tempi. Lo stampo è pop-rock, con strofe intime e dolci in alternanza ad un inciso esplosivo e radiofonico.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo