Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: X edizione del Premio collaterale “Sorriso diverso Venezia Award”

1 settembre Hotel Excelsior Sala Spazio incontri Venezia Production Bridge
 
Per il decimo anno consecutivo, si rinnova la collaborazione tra la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e la Dream On che eredita il premio di Critica Sociale “ Sorriso diverso Venezia Award ” dall’organizzazione del Festival internazionale del film corto Tulipani di seta nera , l’Università cerca lavoro e la TSN srls. Presidente del Premio è Diego Righini mentre Direttore artistico è Paola Tassone. Il premio collaterale “Sorriso Diverso Venezia Award” si è svolto presso l’Hotel Excelsior, nello Spazio Incontri Venice Production Bridge. Madrina dell’evento è stata Valeria Marini. La Giuria di esperti del mondo del cinema, composta da Catello Masullo (Presidente di Giuria), Paola Dei (vice Presidente di Giuria), Armando Lostaglio, Rossella Pozza , Marcello Zeppi, hanno decretato il “ Miglior Film Italiano ” e il “ Miglior Film Straniero ”, confrontandosi su diversi film che hanno fatto parte di quelli in Concorso per il Leone d’Oro e nella sezione Orizzonti. Miglior Film Italiano sono stati premiati “ Non odiare ” di Mauro Mancini e “ Notturno ” di Gianfranco Rosi, presenti i produttori Donatella Palermo e Paolo Del Brocco.​ Miglior Film stranieri sono “ Selva tragica ” della messicana Yulene Olaizola e “ Listen ” della portoghese Ana Rocha de Sousa.

Il viaggio turismo ENIT va al film “ Padrenostro ” di Claudio Noce, presente il produttore Andrea Colbucci. Grande soddisfazione viene espressa dal presidente Diego Righini e Paola Tassone per l’assegnazione di questi premi a film davvero importanti sotto l’aspetto della critica sociale. Catello Masullo, presidente della Giuria, ha sottolineato l’eccellenza della produzione cinematografica di questa 77 Mostra, con la sfida finora vinta dalla Biennale di Venezia e dal direttore Alberto Barbera di portare a termine la più antica Mostra di Cinema al mondo, nonostante il difficile momento. Il critico lucano Armando Lostaglio (CineClub De Sica – Cinit, componente della Giuria) sostiene che il considerevole Premio Sorriso Diverso diventi portavoce di un diffuso bisogno di Cinema e di dibattito, proponendo alla Biennale di Venezia di convincere i distributori di far circolare tali opere con maggiore incisività in tutte le sale italiane. 
 
 
In tale operazione potrebbe intervenire anche il Mibact e rappresenterebbe una grande operazione culturale oltre che di strategie di mercato, specie in questa particolare situazione. Sarebbe una grande battaglia a vantaggio del cinema colto e di una necessaria evoluzione collettiva. E sarebbe un peccato che i capolavori visti alla 77. Mostra non circolino e restino nel chiuso delle sale semivuote del Lido.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo