Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia


Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungersi con i fratelli maggiori. Vediamo aggirarsi intorno curioso e guardingo un ragazzino, alto magro con la faccia spiritata che segue i brevi provini degli altri, ma sembra memorizzare tutto quel che vede e sente da noi. Io so che sulla scelta di Armando si giocherà tutto il film, perché è una parte complessa, bambino orgoglioso, profondamente lucano, l'unico a parlare per tutto il film in dialetto, consapevole delle sue origini ("ma quale meridionali, siamo lucani"); mi è già capitato altre volte di scrivere personaggi infantili molto variegati (penso a Giovanni di “Prima la Musica, Poi le parole” che poi trovai in Russia, Andrej "Kolya" Chalimon, o a Micol di “Quattro Figli Unici” (Valentina Holtkamp), se non trovi l'interprete giusto sei spacciato, il film non funziona.
 
 
Ed ecco Walter Golia, il bambino magro con la faccia da furetto, con questo nome un po' da gigante un po' da caramella, che si avvicina alla sceneggiatura, l'afferra con gesto volitivo e comincia a leggere, con una tale spontaneità che subito il personaggio prende corpo e non lo lascerà più, né il personaggio, né il copione. Il film ha tutte le difficoltà di un progetto ambiziosissimo, fare un kolossal in costume (siamo nel 1961) con un budget risicatissimo, tutto basato sul volontariato di 450 persone, qui e in Belgio, di cui stiamo amorevolmente raccontando l'epopea, la storia della migrazione tra l'Italia e il Belgio. E Walter che ne è il protagonista pressoché assoluto, perché è attraverso il suo sguardo, la sua curiosità sia di bambino consapevole che di attore in erba, che impariamo a conoscere questa storia dolorosa che appartiene a tutti gli italiani, si aggira per i set, le piazze assolate degli undici paesi lucani, le colline limacciose e gli ​ insediamenti industriali grigio-ferro nel Limburg, col piglio energico del capobanda, con l'urgenza di diventare grande. 
 

E la sua recitazione è innervata di questa urgenza, che era quella dei nostri minatori che partivano dai nostri campi riarsi, per ritrovarsi ignari nelle viscere buie della "mina". Il primo sul set, mai un gesto di indolenza, una reazione arrogante e strafottente. Sin dalla prima inquadratura, quando scende con la "carrozza" il trabiccolo di legno con i cuscinetti a sfera per ruote, per i vicoli di Oppido Lucano. O sul terril di Winterslag, seduto dentro la padella, in un'analoga discesa "di coraggio". Sapere, Walter, che domenica notte sei andato a morire a 26 anni contro un muro (proprio come diceva Egidio nel film a proposito del pericolo del gioco delle "carrozze": “Lì -in Lucania- ci stanno li muri, ti scasci”), mi ha paralizzato. Non posso pensare che non ci sei più, che la gente della tua famiglia, del tuo paese, non potrà più incontrarti, nutrirsi della tua gentilezza, della tua simpatia, della tua profonda innata, umanità. Di cui il nostro set, la nostra troupe, il nostro film si è avvalso, per quei fantastici perigliosissimi, mesi di lavorazione. La magra consolazione è sapere che la tua interpretazione di Armando rimarrà, e che potrò, tutti potranno rivederti in ogni momento, perché Armando non è un personaggio, sei tu, Walter, e sembra che qualcuno mi abbia dettato le tue frasi e i tuoi movimenti, come nella scrittura automatica, prima che ti concretizzassi quella giornata di provini a Bella. Grazie Walter. 
 
Fulvio Wetzl

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo