Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia


Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungersi con i fratelli maggiori. Vediamo aggirarsi intorno curioso e guardingo un ragazzino, alto magro con la faccia spiritata che segue i brevi provini degli altri, ma sembra memorizzare tutto quel che vede e sente da noi. Io so che sulla scelta di Armando si giocherà tutto il film, perché è una parte complessa, bambino orgoglioso, profondamente lucano, l'unico a parlare per tutto il film in dialetto, consapevole delle sue origini ("ma quale meridionali, siamo lucani"); mi è già capitato altre volte di scrivere personaggi infantili molto variegati (penso a Giovanni di “Prima la Musica, Poi le parole” che poi trovai in Russia, Andrej "Kolya" Chalimon, o a Micol di “Quattro Figli Unici” (Valentina Holtkamp), se non trovi l'interprete giusto sei spacciato, il film non funziona.
 
 
Ed ecco Walter Golia, il bambino magro con la faccia da furetto, con questo nome un po' da gigante un po' da caramella, che si avvicina alla sceneggiatura, l'afferra con gesto volitivo e comincia a leggere, con una tale spontaneità che subito il personaggio prende corpo e non lo lascerà più, né il personaggio, né il copione. Il film ha tutte le difficoltà di un progetto ambiziosissimo, fare un kolossal in costume (siamo nel 1961) con un budget risicatissimo, tutto basato sul volontariato di 450 persone, qui e in Belgio, di cui stiamo amorevolmente raccontando l'epopea, la storia della migrazione tra l'Italia e il Belgio. E Walter che ne è il protagonista pressoché assoluto, perché è attraverso il suo sguardo, la sua curiosità sia di bambino consapevole che di attore in erba, che impariamo a conoscere questa storia dolorosa che appartiene a tutti gli italiani, si aggira per i set, le piazze assolate degli undici paesi lucani, le colline limacciose e gli ​ insediamenti industriali grigio-ferro nel Limburg, col piglio energico del capobanda, con l'urgenza di diventare grande. 
 

E la sua recitazione è innervata di questa urgenza, che era quella dei nostri minatori che partivano dai nostri campi riarsi, per ritrovarsi ignari nelle viscere buie della "mina". Il primo sul set, mai un gesto di indolenza, una reazione arrogante e strafottente. Sin dalla prima inquadratura, quando scende con la "carrozza" il trabiccolo di legno con i cuscinetti a sfera per ruote, per i vicoli di Oppido Lucano. O sul terril di Winterslag, seduto dentro la padella, in un'analoga discesa "di coraggio". Sapere, Walter, che domenica notte sei andato a morire a 26 anni contro un muro (proprio come diceva Egidio nel film a proposito del pericolo del gioco delle "carrozze": “Lì -in Lucania- ci stanno li muri, ti scasci”), mi ha paralizzato. Non posso pensare che non ci sei più, che la gente della tua famiglia, del tuo paese, non potrà più incontrarti, nutrirsi della tua gentilezza, della tua simpatia, della tua profonda innata, umanità. Di cui il nostro set, la nostra troupe, il nostro film si è avvalso, per quei fantastici perigliosissimi, mesi di lavorazione. La magra consolazione è sapere che la tua interpretazione di Armando rimarrà, e che potrò, tutti potranno rivederti in ogni momento, perché Armando non è un personaggio, sei tu, Walter, e sembra che qualcuno mi abbia dettato le tue frasi e i tuoi movimenti, come nella scrittura automatica, prima che ti concretizzassi quella giornata di provini a Bella. Grazie Walter. 
 
Fulvio Wetzl

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,