Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: MILANO-TARANTO 2020 La sorprendente edizione virtuale della maratona per moto d’epoca ha unito anche quest’anno il nord e il sud d’Italia

 
Fissate le date della prossima, attesissima edizione: 4-10 luglio 2021 
 
Tutto è iniziato quasi per gioco , per la voglia dell’organizzazione, di tutto lo staff e dei Tarantini più affezionati di sentirsi comunque vicini, coinvolti in un progetto comune, di sentirsi in viaggio , di riaccendere i loro amati e rombanti motori d’epoca, anche solo per qualche minuto o per qualche ora. Tutto è iniziato per la nostalgia di quell’atmosfera avventurosa, allegra e conviviale e per il desiderio di sentire, anche in questo strano 2020, un po’ di quell’ entusiasmo e di quell’ adrenalina che caratterizza ogni Milano-Taranto, ormai da ben 34 anni . La prima maratona per moto d’epoca virtuale della storia si è rivelata particolarmente bella e appassionante e anche estremamente partecipata. Il luogo di incontro è stato quello - accessibile a tutti, anche in tempo di pandemia - della pagina Facebook della Mita , da anni ormai importante punto di riferimento per iscritti e affezionati della manifestazione. Dalla mezzanotte del 4 luglio fino al 12 luglio 2020, in tantissimi hanno preso parte alla Milano-Taranto. L’evento prevedeva di raggiungere una o più delle località previste: ben 202 sparse in un lunghissimo tragitto disegnato tra Milano e Taranto e impossibile da percorrere tutto, se non in settimane di cammino. L’itinerario toccava infatti quasi tutti i luoghi che hanno ospitato la manifestazione in passato: un “serpentone” lungo complessivamente più di 7.000 chilometri che ha legato simbolicamente Nord e Sud, Est e Ovest e ovviamente il Centro Italia. Una volta raggiunto il luogo prescelto, il regolamento prevedeva di far avere all’organizzazione o di postare direttamente sull’evento Facebook una foto , un video o un selfie, meglio se in sella a una moto d’epoca e magari anche con indosso una t-shirt delle precedenti edizioni della manifestazione. Un’iniziativa inedita e originale che è piaciuta molto, andando ben oltre le aspettative sia in termini di numeri che di coinvolgimento: tanti sono stati i messaggi e i post ricevuti, centinaia i media inviati, tra foto e video, e centinaia sono state anche le persone che in totale hanno preso parte all’evento. In diversi casi infatti i partecipanti si sono organizzati in piccole comitive inviando immagini di gruppo: intere famiglie, amici storici, ma anche compagnie nate per l’occasione grazie, a volte, proprio ai contatti social. Il tracciato è stato coperto quasi nella sua totalità e non solo: numerosi sono stati anche i “fuori percorso” arrivati non solo dall’Italia, ma addirittura dall’estero , a confermare la vocazione internazionale della manifestazione. ​ Il successo della Mita virtuale è dipeso anche dal coinvolgimento di Amministrazioni comunali, Associazioni, Proloco e Motoclub che anche quest’anno, seppure inevitabilmente in modo solo virtuale, non hanno fatto mancare calore ed entusiasmo. Tra i contributi arrivati anche quelli, immancabili, del sindaco di Segrate Paolo Micheli, di Giacomo Casartelli, executive director di EICMA, e del campione Gianfranco Bonera. Questa 34esima edizione della Mita è stata insomma davvero straordinaria e - celebrata anche attraverso una clip realizzata utilizzando alcuni dei contributi più belli e significativi tra quelli ricevuti - entrerà di diritto nella storia della Milano-Taranto, rappresentandone una pagina di particolare valore. La Mita virtuale testimonia infatti al meglio lo spirito e l’identità di questo evento che non si ferma nonostante tutto , un po’ come quei motori degli anni ‘20, ‘30, ‘40 e ‘50 che tanto piacciono ai protagonisti della maratona e anche come quei Tarantini che mettono corpo e anima per arrivare a fine tappa, in ogni situazione, con 40 gradi o sotto la pioggia battente, con la grandine o col sole in faccia. Grazie alla tenacia e alla passione dello staff e dei partecipanti, neanche una pandemia è riuscita a fermare la Milano-Taranto. E nel corso dei saluti, sempre virtuali, di fine evento, ci si è dati appuntamento al 2021 . Le date, per tornare ad abbracciarsi, all’Idroscalo di Milano e poi ancora e di nuovo, fino all’arrivo sul Lungomare Virgilio di Taranto, sono già fissate: 4-10 luglio . Vietato mancare, vietato fermarsi. ​
 

















 

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo