Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano. SPORT, IMPEGNO POLITICO E DRAMMA UMANO NELLA STORIA DI VITTORIO STACCIONE

 
Presentato a Melfi il libro “Il mediano di Mauthausen” di Francesco Veltri, secondo evento del cartellone “Costituzione, Democrazia e Libertà”. 
 
“Siamo lieti di aver portato alla ribalta, anche a Melfi, la vicenda umana e sportiva di Vittorio Staccione , calciatore (anche del Torino) degli anni ‘20-’30 e attivista politico morto drammaticamente nel campo di sterminio di Mauthausen, che per la sua forte connotazione valoriale – hanno affermato con soddisfazione gli organizzatori- ben s’inserisce nel cartellone di eventi proposto e che sta riscuotendo l’apprezzamento di un pubblico sempre attento e numeroso”. Dopo l’incontro informativo su “ Referendum e Costituzione ”, è stata la volta della presentazione del libro “ Il mediano di Mauthausen ” di Francesco Veltri (Diarkos edizioni), secondo appuntamento del calendario di eventi, patrocinato dal comune di Melfi, messi a punto dall’Unione degli Studenti di Basilicata, Associazione e Fondazione “ Francesco Saverio Nit ”, Anpi Melfi e locale Toro club denominato “ Costituzione, Democrazia e Liberta ” -Dialoghi d’estate.
L’evento è stato introdotto da Giuseppe Laganaro dell’Unione degli Studenti di Basilicata. Animato dalle domande di Gianluca Tartaglia, presidente del locale Toro club e direttore dell’Associazione Nitti, e dagli interventi puntuali di Francesco Veltri, giornalista e autore del libro, e di Michele Petraroia , presidente regionale dell’Anpi, l’incontro, arricchito dall'intervento della studentessa Ornella Senese , si è caratterizzato per la diversità dei temi trattati e per la forma colloquiale che lo ha reso piacevole e particolarmente interessante. “Ringrazio la città di Melfi e tutti gli organizzatori per aver voluto dedicare questo bellissimo incontro a Vittorio Staccione e al libro che racconta la sua incredibile storia – ha detto Francesco Veltri -. Il protagonista era un calciatore di serie A a cui il male oscuro del suo tempo non ha concesso di esprimere fino in fondo il suo talento. Era un ragazzo povero, semplice, caparbio e al tempo stesso ingenuo, a tal punto da credere di poter opporsi al regime fascista e alla sua ideologia senza pagarne le conseguenze. Ha combattuto per questo fino all’ultima partita della sua vita, una partita surreale, giocata nel campo di concentramento di Mauthausen, accanto a coloro che poi sarebbero diventati i suoi assassini”. Nel corso dell’incontro Michele Petraroia ha sottolineato come “ la vicenda umana e sportiva di Vittorio Staccione, grazie al lavoro meticoloso di Francesco Veltri, avvicina ciascuno di noi e, in particolare, i giovani che praticano sport a comprendere meglio il valore della libertà e gli orrori di chi la nega. Ripercorrendo l’avvincente, ma dolorosa storia di questo calciatore, l’autore del libro restituisce alla memoria collettiva una storia nascosta , ma allo stesso tempo ci fa capire la violenza​ quotidiana del fascismo che annienta, discrimina e perseguita chi dissente. A nome dell’Anpi Basilicata un apprezzamento, particolare, all’Associazione e alla Fondazione Nitti e al Toro club Melfi per averci proposto un evento di simile spessore in cui è stato possibile incrociare il mondo del calcio al massimo livello con la necessità di non negoziare mai la libertà e la democrazia”. Le conclusioni dell’incontro sono state, invece, affidate a Wanda Savella dell’Unione degli studenti di Basilicata. Il calendario di eventi “ Democrazia, Costituzione e Libertà ” – dialoghi d’estate si concluderà venerdì 25 settembre con l’incontro su “ Università e Mezzogiorno ”, sempre alle 17, presso l’aula consiliare “ Nit-Bovet ” del comune di Melfi.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.