Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano. SPORT, IMPEGNO POLITICO E DRAMMA UMANO NELLA STORIA DI VITTORIO STACCIONE

 
Presentato a Melfi il libro “Il mediano di Mauthausen” di Francesco Veltri, secondo evento del cartellone “Costituzione, Democrazia e Libertà”. 
 
“Siamo lieti di aver portato alla ribalta, anche a Melfi, la vicenda umana e sportiva di Vittorio Staccione , calciatore (anche del Torino) degli anni ‘20-’30 e attivista politico morto drammaticamente nel campo di sterminio di Mauthausen, che per la sua forte connotazione valoriale – hanno affermato con soddisfazione gli organizzatori- ben s’inserisce nel cartellone di eventi proposto e che sta riscuotendo l’apprezzamento di un pubblico sempre attento e numeroso”. Dopo l’incontro informativo su “ Referendum e Costituzione ”, è stata la volta della presentazione del libro “ Il mediano di Mauthausen ” di Francesco Veltri (Diarkos edizioni), secondo appuntamento del calendario di eventi, patrocinato dal comune di Melfi, messi a punto dall’Unione degli Studenti di Basilicata, Associazione e Fondazione “ Francesco Saverio Nit ”, Anpi Melfi e locale Toro club denominato “ Costituzione, Democrazia e Liberta ” -Dialoghi d’estate.
L’evento è stato introdotto da Giuseppe Laganaro dell’Unione degli Studenti di Basilicata. Animato dalle domande di Gianluca Tartaglia, presidente del locale Toro club e direttore dell’Associazione Nitti, e dagli interventi puntuali di Francesco Veltri, giornalista e autore del libro, e di Michele Petraroia , presidente regionale dell’Anpi, l’incontro, arricchito dall'intervento della studentessa Ornella Senese , si è caratterizzato per la diversità dei temi trattati e per la forma colloquiale che lo ha reso piacevole e particolarmente interessante. “Ringrazio la città di Melfi e tutti gli organizzatori per aver voluto dedicare questo bellissimo incontro a Vittorio Staccione e al libro che racconta la sua incredibile storia – ha detto Francesco Veltri -. Il protagonista era un calciatore di serie A a cui il male oscuro del suo tempo non ha concesso di esprimere fino in fondo il suo talento. Era un ragazzo povero, semplice, caparbio e al tempo stesso ingenuo, a tal punto da credere di poter opporsi al regime fascista e alla sua ideologia senza pagarne le conseguenze. Ha combattuto per questo fino all’ultima partita della sua vita, una partita surreale, giocata nel campo di concentramento di Mauthausen, accanto a coloro che poi sarebbero diventati i suoi assassini”. Nel corso dell’incontro Michele Petraroia ha sottolineato come “ la vicenda umana e sportiva di Vittorio Staccione, grazie al lavoro meticoloso di Francesco Veltri, avvicina ciascuno di noi e, in particolare, i giovani che praticano sport a comprendere meglio il valore della libertà e gli orrori di chi la nega. Ripercorrendo l’avvincente, ma dolorosa storia di questo calciatore, l’autore del libro restituisce alla memoria collettiva una storia nascosta , ma allo stesso tempo ci fa capire la violenza​ quotidiana del fascismo che annienta, discrimina e perseguita chi dissente. A nome dell’Anpi Basilicata un apprezzamento, particolare, all’Associazione e alla Fondazione Nitti e al Toro club Melfi per averci proposto un evento di simile spessore in cui è stato possibile incrociare il mondo del calcio al massimo livello con la necessità di non negoziare mai la libertà e la democrazia”. Le conclusioni dell’incontro sono state, invece, affidate a Wanda Savella dell’Unione degli studenti di Basilicata. Il calendario di eventi “ Democrazia, Costituzione e Libertà ” – dialoghi d’estate si concluderà venerdì 25 settembre con l’incontro su “ Università e Mezzogiorno ”, sempre alle 17, presso l’aula consiliare “ Nit-Bovet ” del comune di Melfi.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,