Passa ai contenuti principali

In Primo Piano con Rocco Mentissi


 
IN PRIMO PIANO 18. Puntata. 
 
ROCCO MENTISSI, pianista e compositore. La musica del maestro racchiude diverse anime: quella delicata e introspettiva, che fa vibrare le note di malinconia e romanticismo; quella scherzosa e ironica, che danza spensierata in ritmi giocosi; quella forte e sincera, che rievoca discretamente la terra madre di Lucania. I suoi concerti per piano solo sono la rivelazione di queste anime, capaci di creare atmosfere sognanti e magiche, di diffondere lievi emozioni nell’aria fino a raggiungere il cuore di chi ascolta, di far viaggiare la mente in spazi sconfinati e sospesi nell’assoluto. Nelle sue esibizioni i temi composti vengono proposti con nuove sfumature sonore e varianti tematiche estemporanee, suggerite dalle sensazioni del momento. Alla musica scritta e statica si aggiunge quella viva e palpitante legata agli istanti emotivi del live, per una performance unica ed irripetibile. L'artista ha alle spalle un percorso artistico articolato, caratterizzato dalle più svariate esperienze – dal blues al jazz, dalla musica popolare alla musica bandistica, dal prog-rock all’etno-funk – e da collaborazioni con artisti di diversa estrazione, che lo ha portato negli ultimi anni ad approdare ad una musica minimalista sui generis, che dal vivo lascia spazio all’improvvisazione tipica del jazz. Il suo primo lavoro discografico, dal titolo “Trame”, è stato pubblicato nel 2014 dalla Artistica Management di Pasquale Cappiello. Al suo interno dieci brani e un preludio per pianoforte che compongono un diario di appunti, un sentiero sonoro costellato di atmosfere rarefatte, pregne di interrogativi più che di risposte solide e rumorose, una musica ai confini del silenzio, in cui si genera la profonda e naturale propensione alla riflessione. In “Piano solo”, brani originali da lui composti: da una parte le tracce del suo primo album, proposte con nuove sfumature sonore e varianti tematiche estemporanee suggerite dalle sensazioni del momento, dall’altra le più recenti composizioni confluite nel progetto discografico “Pais”, che vede la fusione di più linguaggi artistici e il coinvolgimento di altri strumentisti che gravitano intorno al suo prediletto e inseparabile pianoforte, strumento centrale della sua musica e particolarmente confacente al proprio stile compositivo. Attraverso i nove brani contenuti nel concept-album “Pais”, uscito a novembre 2018, l'autore ripercorre i ricordi della sua infanzia: le corse a perdifiato; gli infiniti giochi in strada sotto gli occhi vigili del vicinato sempre affettuoso; il nido rassicurante della casa dei nonni, contadini saggi, semplici, ma sereni; la terra, in cui si giungeva in sella ad un asino, vissuta prima come prolungamento del proprio corpo, dopo come un destino, come centro del proprio universo, in base al quale distinguere la distanza, la vicinanza, la solitudine, la compagnia, l’odio, l’amore.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo