Passa ai contenuti principali

IN PUGLIA, A CORATO, LA FINALE NAZIONALE DEL CONCORSO DI BELLEZZA ‘MISS IN4MISSIMA 2020’ CON PROTAGONISTE 5 LUCANE


Dopo la finale regionale di Lavello presso il 'Millionaire' lounge bar, dove si sono qualificate cinque miss lucane, si è svolta in Puglia la kermesse di moda e spettacolo ‘Miss In4missima’, format etico che 'combatte' l'anoressia e sensibilizza nella campagna contro la violenza sulle donne (alle partecipanti viene chiesto di indossare scarpe di colore rosso per solidarizzare contro le vittime di questo triste fenomeno) per una iniziativa dal valore sociale importante e considerevole, frutto di consensi e plauso. Il tutto inizialmente programmato a Rimini in Emilia Romagna dal 2 al 6 settembre scorsi e poi annullato causa rischio covid e 'recuperato' a Corato, nel barese, nel suggestivo scenario della sala ricevimenti 'Villa Bianca'. Con la conduzione anche quest'anno affidata ad Antonio Petrino, ottimi riscontri nell'atto finale per le concorrenti della Basilicata, soprattutto per l'ucraina Ilona Pavliuk (residente a Melfi) che è riuscita a conquistare la fascia 'Teenager' come seconda classificata, oltre ai buoni piazzamenti di Desirèe Vitale, Aurora Dragonetti, Antonietta Cirone e Rocchina Crecca, con vincitrice la pugliese Claudia Cristofalo. Tutte le vincitrici, gli ospiti e i giurati (tra cui attori, addetti ai lavori, personaggi dello spettacolo) sono stati omaggiati da due aziende lucane della provincia di Potenza, partner dell'evento, l'olio Gialloro (Ripacandida) e i prodotti di Leader Cosmesi (Filiano), che hanno supportato in grande stile il progetto anche per la fase nazionale.

Un format che è molto impegnato a livello sociale a sostenere le campagne di sensibilizzazione contro l'anoressia, bulimia e violenza sulle donne. L’evento, nato nel 2012, nasce da un progetto della promotrice Associazione Culturale ‘International Social Report' e sostenuta dal patron Vito Lorenzo Nanna, ricercando su tutto il territorio nuovi volti e talenti. Concorso giovane e potente, punta a trovare un vero impiego professionale a tutte le aspiranti che vogliono tentare di sfondare la porta del successo nel mondo della moda. Per vincere non serve solo la bellezza ma anche tanto impegno, volendosi fin dall’inizio differenziare da altri concorsi già esistenti, lottando attivamente contro il grave problema dell’anoressia e della bulimia. I promotori a tal proposito ritengono che sebbene i disordini alimentari siano il sintomo di problemi di natura più profonda, vadano affrontati attraverso un percorso di tipo psicologico. Il tutto credendo che sia doveroso di chi opera in questo settore di assumere una posizione forte e decisa rispetto ai canoni estetici imperanti a cui tante giovani ragazze fanno riferimento per la ricerca di un modello da imitare. Infatti il motivo conduttore è promuovere modelli estetici per lo meno con quanto stabilito nel dicembre del 2006 attraverso il Manifesto Nazionale di autoregolamentazione della Moda Italiana contro l’Anoressia, firmato dal Ministero per le Politiche Giovanili, Alta Moda Roma e Camera Nazionale della Moda Italiana. 

Non meno importanta la nuova testimonianza nella campagna sociale ‘no alla violenza sulle donne’, considerando che il fenomeno ha registrato una spaventosa crescita soprattutto nell’ambito familiare e, cosa peggiore, solo una percentuale bassissima di questi delitti viene denunciata. Il messaggio è rivolto alla donna, al suo valore all’interno della famiglia e della società, con l’intento che la donna sia libera di esprimere il suo talento e creatività, che esca dai pregiudizi della società, facendone parte attiva, cercando di aiutarle a trovare il coraggio di denunciare le violenze morali e fisiche che subiscono.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.