Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: “Oltre la felicità” di Michele Libutti


Può capitare che uno scrittore senta il bisogno di ri-raccontarsi con maggiore veemenza, ovvero di fare ulteriore chiarezza rispetto a quanto ha già pubblicato. Oltre la Felicità di Michele Libutti Accade allo scrittore lucano Michele Libutti che ha alle spalle diciannove pubblicazioni, un quarantennio da medico, una laurea in lettere classiche e premi letterari di livello nazionale. Con il suo ultimo lavoro dal titolo impegnativo “Oltre la felicità” (Nuova Prhomos Edizioni) lo scrittore si misura con la probabilità di carpire il segreto che sta dietro a tale ambizione umana e necessaria che chiamiamo felicità, in fondo ad un viale ipotetico o reale che sia. Operazione non sempre riuscita a scrittori e intellettuali anche del grande schermo come Woody Allen, ipocondriaco che sente sempre il bisogno di ambire a quel livello superiore che chiamiamo felicità. Michele Libutti sente, dicevamo, un bisogno ulteriore, di fare chiarezza nella maniera di interpretare questo suo testo, che appare ben più ricolmo e gravoso dei precedenti. Così si esplicita l’autore:
 

 “Quando frequentavo la Facoltà di Lettere Classiche mi imbattevo spesso in considerazioni, sull’opera che stavo studiando, che poco avevano a che fare con quelle che l’autore intendeva esprimere. Capitava coi più grandi e ancora oggi continua a capitare anche con quelli che, come me, non sono certamente scrittori affermati e di grido. Ma a tutto dev’esserci un limite e, benché il lettore sia il giudice supremo di quello che legge, non vedo nulla di trascendentale se un libro sia commentato anche dall’autore stesso quando chi lo legge si fa un’idea che poco ha a che vedere con l’opera stessa. E’ il caso di “Oltre la felicità”, un libro scritto da me e appena edito”.
 
Evidentemente questo mondo in cui viviamo non è il migliore dei mondi possibili e da questa considerazione parte l’autore per descrivere la sua storia e inserirla in una realtà che in parte appare come la vediamo e in parte “offre” qualcosa di diverso. Molti dei personaggi che l’autore ha messo in campo, si chiedono: “esiste la felicità?” I due amanti/protagonisti non hanno esitazioni nel dare una risposta affermativa e addirittura si mettono alla ricerca di un luogo che possa esistere nella realtà, dove infine trovano una sorta di “residenza metafisica” della felicità, in una dimensione fino ad allora sconosciuta, proprio come avevano entrambi, da tempo, sognato. Ecco perché diventa necessario far parlare dei personaggi al confine della realtà e farli interloquire con alcuni uccelli e alberi, far ascoltare musiche divine che hanno lo scopo di introdurrete questo nuovo ambiente, pervaso da una dolcissima aria color di rosa dove appaiono bambini e adulti circondati da un alone misterioso e tutti pronti a “toccare con mano” in qualche modo la realtà che evidentemente esiste “Oltre la felicità”. Questo posto meraviglioso è indicato da un semplice cartello segnaletico da cui si parte per entrare nel regno della VERA FELICITA’”. Condividiamo quanto scrive in prefazione Deana Summa che “Oltre la felicità” 
 
“è decisamente malioso e irresistibile per la promessa di beatitudine e serenità che prospetta. L’autore, che già negli ultimi esiti letterari, aveva intrapreso il “viale” della conversione dal reale all’ideale, qui approda a risultati di spiritualità hessiana”. 
 
Michele Libutti sa comunicare e mettere a nudo parti recondite, luoghi e persone, ambiti interiori e oltre alle stanze di vita quotidiana. La sua è una lettura che sa essere carezzevole o sensuale, gioca con la penna e con l’anima, lui che ha mutuato l’impegno di medico e scrittore da precedenti tanto illustri, Cronin in primis. Gli oggetti e le persone che gravitano intorno alla coppia dei protagonisti di questa ultima fatica letteraria, rivestono la funzione di mediatori in grado di raccontarsi con profondità per capire se è possibile raggiungere quello stato superiore che vorremmo fosse la felicità. L’autore conclude augurando a tutti di ritrovarsi prima o poi in quel viale per percorrerlo fino in fondo, fino al cartello segnaletico, varcato il quale si giunge nell’altra dimensione, la dimora più ambita della vera felicità.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.