Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: LUCANIA BELVEDERE SUL MEDITERRANEO


Quale la via per farla crescere dal suo interno Comunicato stampa 
 
Si è svolto a Pietragalla lo scorso 5 ottobre, nella splendida cornice del Salone del Palazzo Ducale, il convegno dal titolo “Lucania belvedere sul Mediterraneo. Quale la via per farla crescere dal suo interno”. Organizzato dal Centro Studi Lucano, nella persona del Notaio Domenico Antonio Zotta, in collaborazione con il MEIC (Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale) e l’Accademia Ducale centro studi musicali, l’incontro ha visto la partecipazione di eminenti personalità, accademici di fama, esperti in sviluppo locale, amministratori locali tra cui il Sindaco di Pietragalla, Paolo Cillis e il primo cittadino di Irsina, Massimo Nicola Morea che insieme hanno dibattuto sul tema proponendo possibili soluzioni per un rilancio della Basilicata. Le conclusioni sono state affidate al Prof. Cesare Mirabelli, presidente emerito della Corte Costituzionale il quale ha affermato che “l'unità e indivisibilità della Repubblica, che la Costituzione colloca tra i principi fondamentali, unitamente al riconoscimento delle autonomie locali, non riguarda solamente l'integrità territoriale dello Stato, ma anche l'unità delle condizioni sociali e di cittadinanza nel Paese. Non ci possono essere condizioni di vita, economiche e sociali, di servizi ai cittadini – ha continuato - che mantengano radicati squilibri storici tra nord e sud del Paese. La valorizzazione delle autonomie regionali, e la stessa impostazione del cosiddetto federalismo fiscale, prevede che lo Strato istituisca un fondo perequativo per i territori con minore capacità fiscale per abitante e che le risorse aggiuntive siano destinate agli interventi necessari per promuovere lo sviluppo e rimuovere gli squilibri economici e sociali. In coerenza con questa impostazione costituzionale la Lucania può e deve elaborare un progetto per il proprio sviluppo, fondato su una visione che ha origine nella comunità – ha concluso Mirabelli - e si sviluppa nelle formazioni sociali e nelle istituzioni”. Gli atti di questo primo incontro, a cui ne seguirà un altro ad Irsina, saranno raccolti in un volume, a cura del Centro Studi Lucano.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int