Passa ai contenuti principali

Segnalazioni in Primo Piano: Al prof. Vittorio Prinzi il Premio Saggistica Storica Lucana (Premio Letterario Basilicata)


Un’interessante e accurata operazione di ricucitura tra memoria e storia locale: è il merito del volume "Viggiano e la Grande Guerra. Storia e memoria" (Dibuono edizioni) del prof. Vittorio Prinzi al quale è stato assegnato il Premio di Saggistica storica lucana, dedicato allo storico potentino Tommaso Pedìo, per l’edizione 2020 del Premio Letterario Basilicata. Il trauma della Prima Guerra Mondiale contribuì più di ogni altro evento, delle stesse guerre del Risorgimento, alla vera unità italiana, facendo in modo che le più lontane province del Sud si sentissero vicine alle città e ai centri del Nord. Questo sforzo unitario, questa trasformazione collettiva è “leggibile” nelle pagine del saggio di Vittorio Prinzi, già autore dello studio “La massoneria in Basilicata. Dal decennio francese all’avvento del fascismo”, che con il testo premiato si conferma tra i più attenti studiosi di storia locale, con un merito sicuramente innovativo: la capacità di far dialogare la storia locale con i grandi avvenimenti storici nazionali. Il volume, prima di tutto, salda un debito di riconoscenza tra Prinzi e la propria comunità, della quale è stato amministratore pubblico e nella quale ha svolto per molti anni la sua professione di docente di liceo. Attraverso un’interessante operazione di ricerca negli archivi locali, l’autore si è cimentato con successo nella sistematizzazione rigorosa di dati quantitativi e qualitativi sul contributo offerto dai viggianesi alla Grande guerra, decantando informazioni provenienti da fonti diverse (archivi pubblici, fonti a stampa, memorialistica, fonti iconografiche e monumentali) e provando a mettere ordine tra testimonianze evidentemente disomogenee. Particolarmente interessanti risultano le pagine dedicate alla mobilitazione militare: a tutti i 354 arruolati viggianesi, tra i quali 58 caduti, Prinzi dedica una minuziosa scheda frutto di faticose ricerche negli archivi comunali, provinciali e militari. Uno dei dati che traspare da questa appassionata ricostruzione storica è che la partecipazione delle masse meridionali alla Grande Guerra non fu un fatto passivo.

Certamente ci furono grande resistenze all’arruolamento, come si evince dai dati sulla renitenza alla leva, il non rispondere alla chiamata o perché emigrati all’estero e quindi fingere di non avere un recapito certo, o perché nascosti in qualche remota campagna Del fronte interno, inoltre, sono ricostruiti aspetti particolarmente significativi, come quelli legati alla pratica della requisizione di animali, alla creazione dei Comitati di assistenza, alla concessione di sussidi, all’apertura di un asilo di​ guerra per figli di militari, al complesso e farraginoso funzionamento della rete degli uffici notizie, agli approvvigionamenti e alla partecipazione dei viggianesi alla campagna per i prestiti nazionali. Molto opportunamente, inoltre, l’indagine procede ramificando nel tempo lungo del dopoguerra, nel delicato tentativo di leggere i segni indelebili del conflitto e il culto della memoria, tra elaborazioni collettive, istinti celebrativi comunitari, necessità di cristallizzare i ricordi e meno nobili strumentalizzazioni politiche. Nel libro troviamo il prezzo pagato dai lucani per un’altra epidemia, di cui spesso in questi tempi si fanno riferimenti, l’influenza spagnola. Soltanto nel 1918, osserva Prinzi, “furono 5.005, pari a 1112,2 per 100.000 abitanti, il più elevato tasso di mortalità dell’intero paese”. 
 

A Viggiano tra il 1911 e il 1921 la popolazione si abbassò da 4030 a 3777 a causa principalmente dell’epidemia di spagnola. Ciò non impedì tuttavia che dal paese della Val d’Agri e dalla Lucania partissero cospicue sottoscrizioni in favore delle zone liberate e delle famiglie dei caduti. Segno che la terra dove più forti erano state le insorgenze antirisorgimentali era ormai integrata nel discorso nazionale. Il volume di Vittorio Prinzi, pertanto, anche in virtù di una scrittura piana e gradevole si pone come sussidio storiografico per lettori diversi, dai cultori di storia, agli appassionati di vicende locali, agli storici di professione, offrendo nel denso susseguirsi delle pagine tanto il racconto, quanto un non trascurabile apparato iconografico di buona qualità, accompagnato da una ricognizione, spesso di prima mano, di informazioni e dati accuratamente raccolti e sapientemente organizzati in chiave storiografica.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo