Passa ai contenuti principali

Sport. Campionato di Eccellenza: Vultur - Paternicum 5-1

 
ECCELLENZA LUCANA 1° GIORNATA: VULTUR – PATERNICUM 5-1 
 
VULTUR (3-5-2): Donnaianna; Criscuolo (17’st Clementi), Toglia, Pezzella; Nano, Sambataro, Capezzuto, Onorati (8’st Marino), Martoccia (40’st Celentano); War (25’st Rella), Lorusso (36’st Deoregi). A disp.: Calia, Pentangelo, Luciano, Aiuola. All.: Morgillo. 
 
PATERNICUM (4-2-3-1): Tammone; D’Elia, Miglionico, Vaccaro (1’st Grieco), Pizzuto; Salvia (38’st Masino), Pascale; Pizzo (32’st Mazzei), Marchesano, Petrocelli A; Falvella. A disp.: Frattantuono, Grande, Petrocelli I., Saccende. All.: Cirigliano. 
 
ARBITRO: Lorusso di Potenza. ASS.: Salvatore di Moliterno e Pacella di Potenza. 
 
RETI: 4’st War (rig.) (VR), 9’st Martoccia (VR), 11’st Marino (VR), 16’st Sambataro (rig.) (VR), 22’st Petrocelli (P), 40’ st Marino (VR). 
 
NOTE: Giornata tiepida e sintetico in buone condizioni. Partita giocata a porte chiuse e nel totale rispetto delle norme imposte del DPCM Anti-Covid. REC.: 1’pt; 5’st. 
 
RIONERO: La ‘’nuova’’ Vultur di mister Morgillo si impone per 5-1 sul Paternicum conquistando una importante e meritata vittoria al termine di 90’ di chiara marca bianconera. Nei primi 45’, conclusisi a reti inviolate, Vultur aggressiva ma poco cinica in avanti e Paternicum difensivista e abile di rimessa. Nella ripresa, invece, è venuta fuori la maggiore caratura tecnica e il cinismo dei rioneresi che hanno capitalizzato al meglio le tante occasioni create ed il 5-1 finale è la chiara conferma. Mister Morgillo si affida al 3-5-2 mentre il tecnico ospite Cirigliano al 4-2-3-1. Ottima la direzione della terna arbitrale. La Vultur già dai primi minuti si vede in avanti prima con una punizione da destra di Capezzuto al 3’ sulla quale Pascale svirgola la sfera rischiando un clamoroso autogol e poi sul seguente corner la conclusione al volo di Sambataro, dopo un batti e ribatti in area, termina di poco alta. Al 16’ War riceve palla al limite e smarca in area Nano che da buona posizione manda di poco alto. Gli ospiti si vedono al 20’ con una punizione da destra di Marchesano che va di poco alta, ma al 24’ è la Vultur ad andare vicina al gol quando, su una punizione da destra di Sambataro, Nano devia di testa sfiorando il palo opposto. Ancora Vultur pericolosa al 33’ quando a seguito di una rapida azione Lorusso smarca in area War che si fa anticipare da Tammone in uscita. Il primo tempo si chiude con un tentativo dai 20 metri di Martoccia che raccoglie una corta respinta della difesa ospite su precedente corner di Sambataro, ma Tammone blocca. Nella ripresa gli ospiti si vedono al 2’ con un tiro sbilenco in area di Petrocelli che va sul fondo. La Vultur inizia a fare sul serio ed al 3’ dopo un’azione insistita sulla sinistra Martoccia-Lorusso quest’ultimo entra in area e viene atterrato da un avversario guadagnandosi un giusto penalty che War trasforma spiazzando in rasoterra Tammone alla sua sinistra. Ancora War al 5’, dopo un’azione di scambio sulla destra con Nano, entra in area ma non inquadra la porta. Il raddoppio arriva al 9’ quando da un lancio di Toglia, War fa velo per Martoccia che da sinistra scambia in area con Marino che dalla linea di fondo serve allo stesso Martoccia un assist d’oro che da due passi corregge in rete. Il tris è servito al 11’ quando Toglia accelera centralmente e apre a destra per Nano che avanza e dalla linea di fondo crossa in area dove Marino appoggia in rete da due passi. Gli ospiti si vedono con una punizione da destra di Salvia al 14’ che Donnaianna alza oltre la traversa. Il poker arriva al 15’ quando, dopo una rapida azione locale, Sambataro va via sulla destra e crossa in area dove un avversario tocca con la mano e l’arbitro decreta il penalty che lo stesso Sambataro realizza con potenza e freddezza. Gli ospiti cercano il gol della bandiera e dopo il tentativo dal limite di Marchesano al 20’ che dal limite sinistro sfiora il primo palo, il gol arriva al 22’ quando dalla stessa posizione è Petrocelli ad indirizzare la sfera in rete sul palo opposto con un tiro a giro. Al 32’, su corner da sinistra di Petrocelli, è Grieco a mandare di poco alto di testa da due passi. Vultur pericolosa al 37’ quando Rella, smarcato in area da Marino, scaglia un diagonale che sfiora il palo alla destra di Tammone. La ‘’cinquina’’ arriva al 40’ quando dopo un’insistita azione sulla sinistra Deoregi smarca in area Marino che con un preciso rasoterra batte Tammone in uscita. La Vultur va vicina alla sesta rete nei minuti di recupero prima con un tiro da fuori area di Celentano che sfiora il palo alla destra di Tammone e poi con Rella che manca il tap-in su un invitante cross da destra di Nano. Al fischio finale grande soddisfazione sul fronte bianconero per la larga vittoria e un po' di amarezza sul fronte ospite. 
 
Francesco Preziuso

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.