Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: Diego che sfidò Maradona e perse.


E' logico che quando muore un personaggio come Diego Armando Maradona, il caldo coro degli elogi sciolga tante perplessità. In queste ore però ci sono state anche, poche, voci fuori dal coro, una quella di Luciano Moggi, che ha ricordato con affetto l'ingenuità di un uomo rimasto per certi versi fermo all'età infantile, con tutti i vizi e le virtù che ciò comportava. D'altronde, come non rivedere nel guizzo bambino le immagini della famosa partita di beneficienza nel fango di Acerra. Chi dispone di Netflix si guardì il docufilm "Diego Maradona" che, tramite filmati d'epoca e testimonianze rare, descrive il campione e l'uomo. Usando le parole del suo preparatore atletico di fiducia, Fernando Signorini, c'era Diego, il ninho dedito al sacrificio per sè e per gli altri e poi c'era il suo peggior nemico, Maradona, spaccone e fuori dalle righe. A questo appunto il calciatore argentivo rispondeva che sì, era vero, ma che senza Maradona, Diego sarebbe rimasto per sempre nella baracca dove era nato, assieme ai genitori e ai cinque fratelli. Diego fu amico sincero nella vita privata. Maradona fu leader sul campo e negli spogliatoi, come pochissimi altri nello sport, ma anche protagonista di eccessi fondati su una non vaga consapevolezza di divinità. Diego Maradona fu un personaggio controverso che si legò alla malavita a causa della sua dipendenza dalla cocaina, che sfrecciava in ferrari certo che nessuno lo avrebbe multato, che vedeva complotti ovunque, ma fu anche colui che strinse rapporti sinceri con giornalisti, compagni e colleghi, scegliendo spesso le cause dei più deboli. Ah! fu anche un formidale fuoriclasse col pallone tra i piedi. Forse il fuoriclasse del calcio. Diego Maradona non è stato il classico atleta e condottiero sul campo insensibile a ciò che gli accadeva attorno, come lo fu un altro grandissimo come Michael Jordan - celebre la risposta del cestista statunitense: "Anche gli elettori repubblicani comprano le mie scarpe", a chi gli chiese perché non sposasse la campagna pro black dei candidati democratici. Non è stato però neppure un personaggio carismatico come Cassius Clay, pur disponendo di un palcoscenico anche più vasto. Il suo slancio sociale è stato fine a se stesso, non ha cambiato equilibri né smosso coscienze. Rimangono una marea di buone azioni e tanta ribalta mediatica, sfruttata da chi lo usò come specchio per le allodole. Una parabola disegnata nell'aria, che finisce da dove era partita, a terra e chi vuole applaudirla lo faccia.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo