Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Notturno di Gianfranco Rosi agli Oscar 2021

 
In questo terribile momento di pandemia che affligge l'umanità da quasi un anno, non sembri retorico parlare di sofferenza mediante un film che della sofferenza (degli invisibili) ne ha fatto la sua cifra emotiva. Parliamo del film NOTTURNO di Gianfranco Rosi, presentato all'ultima Mostra di Venezia, che rappresenta l'Italia ai Premi Oscar 2021 (Film straniero e Documentari). Il film, premiato col premio collatetale Sorriso diverso, è prodotto da RaiCinema e Art France Cinema. Si tratta di un documentario girato sui confini fra Siria, Iraq, Kurdistan, Libano, luoghi di dolore messi a ferro e fuoco dalla guerra dell' Isis. Rosi lo ha ripreso in tre anni, fra macerie umane e sprazzi di speranze. Il merito di Notturno è proprio quello di evidenziare, mediante un linguaggio asciutto e senza orpelli, la povertà di chi devasta e di contro la ricchezza di chi resiste nonostante tutto, vivido nei luminosi occhi dei bambini. La regia cosi ben calibrata mette proprio a fuoco quel contrasto fra buio e luci della vita quotidiana, mediante una fredda fotografia che non da scampo a illusioni di sorta. Gli abitanti di quella martoriata regione mediorientale vivono da anni nel silenzio dell'attenzione che invece meriterebbero da parte della opinione pubblica, che forse segue distrattamente quegli eventi che si consumano sulla pelle di persone innocenti, a partire dai bambini. Solo per ricapitolare: una guerra per la riconquista di Mosul e Raqqa, strappate all’ISIS nell'estate-autunno 2017, l’offensiva turca contro il Rojava curdo-siriano nell'autunno 2019 e l'assassinio del generale iraniano Soleimani per mano statunitense a Baghdad nel gennaio 2020. Una guerra subdola su un territorio appetibile per questioni estrattive da parte di potenze economiche. Il film di Rosi entra (e spesso indugia) nei gesti quotidiani dei superstiti che resistono e sopravvivono nei bui gironi danteschi. Il merito del coraggioso documentario sta proprio nel dare l'idea di una sofferenza incommensurabile, che il montaggio (di Iacopo Quadri) ha voluto mostrare, prolungando oltremodo una marcia di soldati o un lamento funebre di madri che piangono i figli uccisi nelle carceri. E le ragazze curde che sono in trincea pronte a sparare, incuranti della propria bellezza. E i bambini che raccontano coi disegni violenze inaudite. Rosi utilizza linguaggi semplici senza voler realizzare un reportage su quella interminabile tragedia. Non condanna né assolve: come nei suoi precedenti film, documenta con lampi di emotività, i luoghi non comuni della pietas, come a Lampedusa, o la vita ai margini del Grande raccordo anulare della Capitale: sono sempre vite nascoste agli occhi dell'opulenza. Sono quegli Altri a fornirci uno specchio con cui scrutare noi stessi. Ha coraggio il Cinema italiano a candidare un film coraggioso come Notturno. E che conferisce ulteriore dignità al genere documentario. Un grazie speciale va a Gianfranco Rosi, anche per aver dedicato la candidatura del suo.film alla recente scomparsa della giovane regista Valentina Pedicini.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo