Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Basilicata, Arte, Natura & Cultura dal paesaggio all'arte contemporanea


In Basilicata, in una fase di pandemia come quella che stiamo vivendo, ci sono realtà che hanno deciso di non stare ferme ad aspettare ma di mettersi insieme, per consolidare quanto fatto in tanti anni di lavoro e di investimenti nel settore culturale, dell’eco-turismo e del viaggio di scoperta, oggi, purtroppo, in grande difficoltà. Parliamo dell’associazione culturale ArtePollino, del Castello di San Basilio e della Welcome Lucania, realtà innovative che, in una fase così delicata, con consapevolezza, hanno la capacità di re- immaginare e lavorare per la ripresa del settore turistico-culturale attraverso una visione attenta, sostenibile e innovativa. La finalità del programma “Arte, Natura & Cultura Dal paesaggio all’arte contemporanea” è portare in Basilicata un turismo diverso, culturalmente attento e amante dell’arte e del cammino, organizzando percorsi di arte contemporanea, naturalistici, culturali ed enogastronomici, alla scoperta di una regione ancora poco esplorata, ma con grande potenziale. Guardare, insomma, con occhi nuovi al mondo della cultura e del turismo culturale e proporre una nuova modalità di fruizione del territorio lucano, della sua storia, cultura, tradizioni, enogastronomia, e connettere le diverse esperienze attraverso una piattaforma unica. Quello che si vuole portare avanti è un lavoro attento, attraverso i linguaggi del contemporaneo, in luoghi in cui solo apparentemente brilla forte il contrasto tra l’antichità e la modernità. Le tre realtà sono ben radicate nel territorio ma, da sempre, con uno sguardo attento sul mondo. Ed è proprio da questi sguardi che sono nati nuovi percorsi comuni che vogliono offrire al “viandante” la possibilità di godere di nuove forme di viaggio. L’associazione ArtePollino ha come suo obiettivo principale la promozione e la diffusione dell’arte contemporanea, in particolare del binomio arte e natura. Il progetto ArtePollino Un Altro Sud, dal quale è nata, ha consentito di poter “ripensare” il territorio del Pollino, di puntare su attività educative, eventi e iniziative dedicate all’arte contemporanea, collaborazioni con artisti, studiosi, seminari e conferenze in diverse città italiane e soprattutto sulla realizzazione, per tre edizioni consecutive, del Premio ArtePollino. In quanto project leader, ha contribuito al programma culturale per Matera Capitale Europea della Cultura nel 2019. ( www.artepollino.it ) Il Progetto Arte al Castello di San Basilio nasce nel 2019 con la finalità di creare degli eventi che possano attirare, attraverso l’arte, un maggior numero di turisti in Basilicata, sia italiani che stranieri. Di recente ha dato vita a un progetto di residenze di artisti di diverse nazionalità ai quali viene messa a disposizione una parte del Castello e dei suoi annessi, dando loro la possibilità di realizzare sul posto lavori ispirati al territorio. L’intento è di creare un polo artistico basato sulla collaborazione tra i proprietari, gli artisti e le gallerie che li rappresentano, attirando collezionisti e curatori da diversi paesi del mondo. ( www.ilcastellodisanbasilio.it ) Welcome Lucania si propone come punto di riferimento per il mercato turistico culturale ed enogastronomico, opera per l’affermazione e la valorizzazione delle risorse ambientali, paesaggistiche, artistiche, enogastronomiche e turistiche del territorio lucano, e come “destination developer” di strategie di sviluppo delle attività di commercializzazione. In pratica punta alla valorizzazione delle unicità del territorio e non all’omologazione o standardizzazione del territorio – prodotto. ( www.welcomelucania.it ) La prima proposta di programma che viene presentata, scaricabile sul sito www.lucanya.com parte dalla Puglia, passa dal Castello di San Basilio a Pisticci e arriva nel Parco nazionale del Pollino. 
 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo